La scommessa di Roma: 500 NUOVI ALBERI. Una goccia nel mare o simbolo di una città più NATURALE?

Mossa mediatica o di indirizzo per il futuro?


Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso. Lo diceva Confucio e Roma sta rispondendo.


Nell’ultima settimana è iniziata a Roma la posa di 500 nuovi alberi tra lecci, querce, farnie e carrubo, cespugli tipici della macchia mediterranea, come corbezzoli, ginestre, mirto, e essenze officinali come rosmarino, lavanda e salvia. L’operazione di rimboschimento riguarda il Parco regionale urbano del Pineto, gestito da RomaNatura.

La scommessa di Roma: 500 NUOVI ALBERI. Una goccia nel mare o simbolo di una città più NATURALE?

L’iniziativa è di quelle che fanno ben sperare anche se Roma è considerata una città piuttosto verde con il suo patrimonio forestale imponente. Sono circa 330mila gli alberi presenti in città, ma negli ultimi anni non sono stati svolti interventi di piantagione ordinaria in modo diffuso e sistematico nel territorio cittadino, mentre si è svolta, per prevenire pericoli alla pubblica incolumità, l’attività di abbattimento degli alberi. Ecco perché Roma ha bisogno di nuovi alberi.



Le prime piantumazioni sono iniziate in occasione della giornata di azione per il clima e sono proseguite in concomitanza con le celebrazioni per la giornata internazionale delle foreste, lanciata dall’Onu per incoraggiare i governi ad includere la riforestazione nelle loro strategie nazionali e ad aumentare la consapevolezza tra i cittadini di come le aree verdi siano un luogo di recupero e benessere. Si tratta di un’azione importante per l’ambiente e per il clima nata nell’ambito della campagna di filantropia Inspiring World 2019 insieme al Comitato Parchi per Kyoto – costituito da Federparchi – Europarc Italia, Kyoto Club e Legambiente.

# Perché piantare alberi?

Per gli esperti le ragioni sono molte e importanti. Migliorano la qualità dell’aria producendo ossigeno, aiutano a prevenire il dissesto idrogeologico, diminuiscono la temperatura urbana dai 2 agli 8 gradi, rendono le strade più fresche in estate, aumentano il benessere fisico e mentale delle persone, forniscono protezione a piante e animali arricchendo la biodiversità.

FRANCESCA SPINOLA

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest#Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila#KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.