🔴 Il SAINI, il “TEMPIO dello SPORT” di Milano, cambia VOLTO: approvato il PIANO di RIQUALIFICAZIONE

Un accordo con l'Università Statale di Milano volto alla valorizzazione e riqualificazione del territorio


Sarà un ricco piano di riqualificazione quello che coinvolgerà uno dei centri sportivi più grandi e attrezzati di Milano: il Centro Saini, in via Corelli 136 nel quartiere Ortica-Forlanini. La riqualificazione sarà possibile grazie all’accordo stretto tra l’Università degli Studi di Milano e il Comune della Città, ma cosa prevede il progetto?

Il SAINI, il “TEMPIO dello SPORT” di Milano, cambia VOLTO: approvato il PIANO di RIQUALIFICAZIONE

# Il Centro Saini

Credits: @raf_tennis
Centro Saini

Il Centro Saini è stato costruito a partire dal 1971 su volontà del CONI e dal 1994 è gestito da Milanosport. Qui sono state organizzate tra le più importanti competizioni dell’area milanese e ogni anno si registrano oltre 200mila presenze tra atleti e sportivi. All’interno si possono praticare numerosi sport, grazie agli impianti che dispone: ci sono vasche interne ed esterne, palestra, sala cardiofitness, campo da tennis e pista d’atletica, ma anche campi per gli sport di squadra come basket, pallavolo, rugby, sabbia per il beach volley e area per praticare baseball. Il Centro Saini è un vero tempio dello sport milanese ed è anche sede di alcune importanti società sportive nazionali, quali la FIDAL (Federazione italiana atletica leggera), FIN (Federazione italiana nuoto) e FIA (Federazione italiana arbitri).

# Più offerta e più eventi in arrivo

 
Credits: faretennis.com

Tra l’importante Centro e l’Università Statale di Milano, nello specifico la Scuola di Scienze motorie, è stato stipulato un accordo finalizzato alla valorizzazione e riqualificazione del Centro sportivo e probabilmente dell’intera area. Sì perché della riqualificazione del Centro Saini e dell’azione sinergica dei due enti pubblici, potrebbe beneficiarne l’intero territorio. Aumenterebbero le offerte sportive e si organizzerebbero più eventi, sia di carattere nazionale che internazionale.

# Il progetto

Credits: blog.urbanfile.org
progetto centro saini

Il progetto prevede lavori pluriennali dal valore di circa 36 milioni di euro, finanziati dall’Università. L’investimento dell’Ateneo permetterà allo stesso di avere per 50 anni la gestione gratuita del centro, gestione che inizierà dal 2025. Ma cosa prevede il piano di riqualificazione?

I lavori saranno suddivisi in 3 lotti e consisteranno (come riporta urbanfile) nella ristrutturazione completa e adeguamento del Centro, nel rafforzamento della presenza della Scuola di Scienze Motorie e nella realizzazione di nuove strutture e potenziamento di altre. Il Centro sportivo rimarrà comunque aperto a tutta la cittadinanza e darà la possibilità di fare sport a tutti gli utenti, con tariffe accessibili applicabili per ogni fascia.2

 

Continua la lettura con: Un DOPPIO RESTYLING per il QUARTIERE FORLANINI

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.