Con queste OPERE d’ARTE la M4 sarebbe uno SPETTACOLO: la proposta di UrbanFile

Ecco come potrebbero trasformarsi le fermate della linea blu

Credits Urbanfile - Opera d'arte bambino nella M4

Il primo tratto della nuova linea M4 è finalmente aperto. Il prossimo passo è fare in modo che il bando lanciato da Metro4 nel 2020, per abbellire con interventi creativi le stazioni, diventi operativo. Nell’attesa il celebre blog Urbanfile ha provato ad immaginare come potrebbero essere le fermate della linea blu con delle opere d’arte suggestive e evocative sulle grandi pareti interne. Anche perché nelle metro del mondo ci sono tante fonti di ispirazioni. 

Fonte e foto articolo: Urbanfile

Con queste OPERE d’ARTE la M4 sarebbe uno SPETTACOLO: la proposta di UrbanFile

# Milano avrà la metro dell’arte come Napoli e Stoccolma?

Dal 26 novembre il primo tratto della linea M4 è ufficialmente operativo. I treni viaggiano sui binari della quinta metropolitana milanese da Linate a Dateo. Tra i progetti collegati alla sua apertura c’è quello di Arte4, il bando lanciato nel 2020 da Metro4 Spa, che come concessionaria del Comune di Milano si occupa della progettazione, realizzazione e gestione dell’ultima linea metropolitana, per interventi di natura creativa e artistica, sia permanenti sia temporanei, all’interno delle stazioni della linea. 

Il bando si rivolge a privati cittadini, imprese, fondazioni, enti e istituzioni pubbliche, accademie e università ed è a tempo indeterminato. Nell’attesa degli sviluppi, Urbanfile ha provato a immaginare come potrebbero diventare le stazioni M4 appena aperte. 

Leggi anche: ARTE4: la nuova metro decorata con OPERE D’ARTE. Ma scoppia lo scandalo: gli artisti lavoreranno GRATIS?

# La proposta di Urbanfile per trasformare la M4 in uno spettacolo 

L’intenzione di Metro4 e Comune di Milano è quello di rendere le stazioni uno spazio confortevole ed attrattivo per i viaggiatori in transito. Il blog Urbanfile ha immaginato come potrebbe trasformarsi attraverso opere d’arte suggestive e evocative sulle grandi pareti interne delle nuove fermate. La linea blu diventerà quel museo d’arte contemporanea che ancora manca a Milano?

Continua la lettura con: La new entry a Milano: il CENTRAL PARK dell’Acquabella

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteSHARING o MEZZI PUBBLICI?
Articolo successivoL’ “ANNUS HORRIBILIS” di LONDRA. Anche MILANO in pericolo?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.