Milano o Montmartre? Il nuovo stile parigino del palazzo del centro (immagini)

Sembra di essere a Rue Berthe nel quartiere di Montmartre

1
Siracusa_KervisSGR

Sembra di essere a Rue Berthe nel quartiere di Montmartre. Scopriamo come è stato riqualificato e le sue caratteristiche uniche.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Ti aspettiamo

Milano o Montmartre? Il nuovo stile parigino del palazzo del centro (immagini)

# Terminata la riconversione di uno stabile dismesso in zona Crocetta

Edificio riqualificato Kervis

Si è conclusa nel mese di aprile 2024 la realizzazione di un nuovo progetto immobiliare nel cuore di Milano: Crocetta Living, in via Privata Siracusa 5-7. Lo sviluppo è stato curato da Kervis SGR su progetto dello Studio Calzoni Architetti per conto del fondo BCK1 Investment Fund e ha visto la riconversione di un edificio dismesso di cinque piani, prima ad uso studentato, in un complesso residenziale di 14 appartamenti in classe energetica A. I lavori hanno previsto la rimozione di alcuni elementi di amianto, la realizzazione in una centrale geotermica di raffrescamento/riscaldamento centralizzata e la posa di pannelli fotovoltaici in copertura.

Leggi anche: Il cortile di Milano con i personaggi dei Promessi Sposi

# Richiami all’Art Nouveau, come essere a Rue Berthe a Montmartre

Dettaglio copertura

Non sono però i principi di sostenibilità e le scelte fatte sul risparmio energetico a rendere particolare questo edificio riqualificato. Alzando infatti gli occhi al cielo sembra di essere a Rue Berthe nel quartiere di Montmartre, invece che in quello della Crocetta a pochi passi da Porta Romana. La copertura è costituita da un nuovo volume unitario che parte dal perimetro del palazzo e sale curvandosi verso la sommità caratterizzato per un rivestimento in piastrelle di ceramica smaltata nei toni cangianti del verde. Tutto ricorda i tetti di Parigi.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Piastrelle copertura

Queste le parole dell’architetto Sonia Calzoni dello studio Calzoni architetti: «I richiami all’architettura dell’illuminismo e dell’art nouveau sono possibili in virtù della presenza di una stimolante ambiguità nel linguaggio poetico del progetto per cui la parte sopraelevata, trasformata in un theatrum naturae, accoglie un habitat naturale e artificiale che stimola un’inedita interpretazione dell’intero edificio».

# Logge e terrazzi sotto il tetto “parigino”

Partiamo dal padiglione a copertura. Al suo interno sono state ricavate delle logge sul lato sud e sul lato nord e terrazzi ad uso esclusivo dei condomini. I primi tre piani fuori terra mantengono l’involucro originale, con alcune modifiche ai prospetti dovuti a un cambio della distribuzione planimetrica, ai piani primo e secondo sono stati aggiunti dei balconi anche sul lato sud, mentre gli appartamenti al piano rialzato hanno spazi esterni sempre sul lato sud.

Continua la lettura con: Il futuro è adesso: le grandi opere che rivoluzioneranno Milano nei prossimi 5 anni

FABIO MARCOMIN

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteChi è Crapa Pelada, la fidanzata milanese di Caravaggio
Articolo successivoQuesta è la strada più lunga di Milano (all’interno dei Bastioni): perché ha un nome così strano?
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome