ROZZANGELES, ultima frontiera: le 10 meraviglie del polo Sud di Milano

La sua forma dall’alto ricorda un quadrifoglio. Situata nella zona sud di Milano, è facilmente raggiungibile dal centrocittà con il tram n°15, oltre che ad essere ben collegata tramite le tangenziali. Anche conosciuta come Rozzangeles, per le dinamiche da periferia con cui viene spesso rappresentata.

La nostra Trafalgar: la grande vittoria contro Barbarossa

Il nome ha provenienza romana, da Rotius, il soldato di legione al quale fu donata l’area. Rozzano ha ospitato la battaglia tra Federico II di Svevia e l’esercito milanese. La presenza dei canali di irrigazione nel territorio ha guidato i Milanesi ad una vittoria spianata: allagando le campagne delle zone circostanti riuscirono a fermare l’imperatore.

Rozzano ha vissuto il boom economico nei primi anni ’60 grazie alla localizzazione di attività artiginali ed industriali nel territorio. Fattore determinante che ha favorito l’incremento della popolazione superando il numero di 34.000 abitanti.

Si può dire che Rozzano ha potuto distinguersi e spiccare tra le altre realtà dell’hinterland milanese. I principali fattori sono stati lo sviluppo del tessuto urbano ed il forte orientamento alle inziative sull’ambiente. Si può raffigurare come paladina nel rispetto per l’ambiente, come indicano i numerosi piani di recupero urbani a cui partecipa. Rozzano è anche attenta ai suoi cittadini e mostra costanza ed impegno in modo efficace nei servizi inerenti all’individuo ed il welfare.

È culla nativa di personaggi famosi, come ad esempio il cantautore italiano Biagio Antonacci, ha visto nascere il leggendario pilota di formula uno Michele Alboreto ed il comune ha ospitato il matrimonio civile del contemporaneo rapper Federico Leonardo Lucia, più noto sotto il nome di Fedez.

Le 10 meraviglie di Rozzano

  1. Chiesa di Sant’Ambrogio

    Merita di certo visita per la sua identità, piccola ma accogliente, e per il suo stile architettonico gotico, che aumenta il fascino ed accende la curiosità del visitatore. Un luogo d’incontro per i fedeli, vicino ai giovani ed aperto a chiunque voglia usufruire dei servizi alla comunità. All’interno della chiesa sono presenti affreschi dei celeberrimi pittori Luini, Morazzone e Bergognone. Un vero gioiello l’antico organo risalente all’anno 1874, fu realizzato dal grande costruttore Bernasconi: a garanzia, anche la notorietà della sua famiglia.

  2. Cascina Grande


    La struttura risale all’anno 1881 ed è stata costruita dal marchese Zanoletti. Questa cascina rappresenta l’esempio ideale di restauro edilizio. Viene utilizzata dal comune come centro culturale ed offre ai cittadini di Rozzano un luogo sereno dove trascorrere il pomeriggio oltre che un luogo di studio, usufruendo dello spazio della ricca biblioteca al suo interno.

  3. Castello di Cassino Scanasio


    Castello degno di nota per le precedenti famiglie che lo hanno posseduto. In primis la famiglia Trivulzio: proprietaria per lungo tempo, finchè poi cedette il tutto alla famiglia Visconti di Vimodrone. Loro furono molto appassionati al castello e ne finanziarono i lavori di ristrutturazione. Il castello è oggi integrato nel parco di una zona residenziale, ma purtroppo si può ammirare solo da fuori per mancanza di agibilità negli interni.

  4. Torre di Telecom Italia


    La torre è diventata un simbolo di riferimento per la cittadina. Con i suoi 187 metri di altezza si aggiudica il quarto posto in classifica tra gli edifici più alti d’Italia. Appartiene al gruppo delle telecomunicazioni di Telecom Italia. Nell’area circostante, oltre agli edifici residenziali, sono adibiti data center ed un auditorium dove si tengono i consigli di amministrazione dell’azienda.

  5. Visita del Presidente Jefferson

    la visita di Jefferson (https://www.lavocedinewyork.com)
    la visita di Jefferson (https://www.lavocedinewyork.com)

    Il 3° Presidente degli Stati Uniti durante il suo viaggio in Europa nel lontano 1787 ha messo piede in suolo rozzanese. Si trova materiale che testimonia l’evento in vari documenti. Prima traccia il suo libro “Jefferson On Wine”, in cui descrive la sua accesa curiosità nel capire il funzionamento delle ghiacciaie e la scoperta della produzione del Parmigiano.
    Leggi anche: Jefferson, The Italian President

  6. Monumento di Michele Alboreto


    Celebre per la battuta del Dogui “Alboreto is nothing”, pochi sanno che lo sfortunato pilota era di Rozzano. La scultura si trova all’interno del centro culturale di Cascina Grande. I 4 metri di altezza sono indice dell’immenso rispetto al pilota ed alla sua carriera. Il progetto nacque da una mostra fotografica, fino all’anno 2003 anno in cui venne scelta l’opera di Silvio Fiorenzi. Vincitrice tra i 70 bozzetti candidati.

  7. Museo dell’Automobile (Quattroruote)


    Questo museo rappresenta il desiderio di raccontare la passione di Gianni Mazzocchi, direttore del magazine di motori Quattroruote. All’interno dello spazio ci sono preziosi modelli di automobili nazionali e marche estere, che appartenevano a collezioni private.

  8. Istituto Clinico Humanitas


    Struttura che dà un valore aggiunto a Rozzano, è stato fondato nel 1996. L’ospedale ospita ben 700 posti letto ed ha dato impiego a 1900 lavoratori. La struttura Humanitas offre un punto di riferimento ed un efficace supporto ai pazienti affetti da tumori e malattie immunodegenerative. È un centro di ricerca clinica e scientifica nonché sede di insegnamento dell’Università Humanitas.

  9. Il Giardino Verticale

    rozzano
    Si presenta come un agglomerato di ben 200 specie vegetali estesa su una parete lunga 8 metri. La particolarità è la posizione verticale delle piante, che va così a ricoprire una parete esterna del centro commerciale Fiordaliso. Il muschio a fibra lunga proveniente dal Cile è la base di questa combinazione di ecologia del futuro.

  10. Kartodromo di Rozzano


    La pista è in outdoor, è stata rinnovata da poco e l’asfalto nuovo permette di sfrecciare e divertirsi con i propri amici in tutta sicurezza. C’è il servizio di noleggio kart oppure si può correre con il proprio mezzo. A fine corsa c’è la possibilità di intrattenersi nell’area ristoro.

 

ALBI HOXA

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Stampato Milano Città Stato

eBook Milano Città Stato

1 COMMENTO

  1. Michele (Alboreto) NON era nato a Rozzano, ma a Milano, era solo un residente di Rozzano.

Comments are closed.