🔴 PROROGA area B: DIESEL euro 4 e euro 5 potranno ENTRARE a MILANO per QUALCHE MESE in PIÙ

L'entrata in vigore dei nuovi divieti avrebbe potuto creare nuove ricadute negative sull'economia e sul commercio

Credits espansionetv - Area B e Area C

I divieti sarebbero dovuti entrare in vigore il primo di ottobre dello scorso anno, ma a causa della pandemia la loro introduzione era stata rinviata a quando sarebbe finito lo stato di emergenza che termina ufficialmente il 31 marzo. Anche questa data però non verrà rispettata e nei prossimi giorni dovrebbe essere definita un’ulteriore proroga. Ecco quando dovrebbero partire le nuove misure e cosa è previsto nel dettaglio.

PROROGA area B: DIESEL euro 4 e euro 5 potranno ENTRARE a MILANO per QUALCHE MESE in PIÙ

# I nuovi divieti di Area C e Area B dovrebbero slittare all’autunno

Area C

Lo stop all’ingresso dei veicoli diesel Euro 4 e Euro 5 ad Area C e Area B slitta ancora. Inizialmente era previsto a inizio ottobre 2021 poi rinviato al giorno seguente la fine dello stato di emergenza fissato dal governo e quindi al primo di aprile di quest’anno. I divieti dovrebbero entrare in vigore a giugno se non, più probabilmente, a ottobre in concomitanza con quelli previsti per i diesel Euro 5 per quanto riguarda Area B.


L’assessore ai trasporti Arianna Censi spiega le motivazioni della proroga che verrà decisa nei prossimi giorni: «Il Comune ha intrapreso delle chiare politiche per limitare l’accesso alle macchine in centro e in generale per contenere l’uso delle auto più inquinanti in tutta la città, con un calendario di progressive restrizioni, comunicato quattro anni fa. Il Covid e le sue conseguenze hanno richiesto una ulteriore riflessione che ha portato alla scelta di sospendere l’entrata in vigore dei divieti previsti per il 2021 fino alla fine dell’emergenza sanitaria che ora il governo ha comunicato essere il prossimo 31 marzo. Siamo coscienti che questa comunicazione è stata recente e che la data è prossima, per questo stiamo valutando se protrarre la sospensione fino giugno o a ottobre facendo entrare in vigore in contemporanea i divieti che scatteranno in quel periodo. La decisione sarà presa nel giro di pochissimo tempo».

# I veicoli che non potranno più entrare in città o nel centro storico

Credits: milanopost.info
Area B

In attesa di conoscere l’ufficialità della nuova data di entrata di vigore per i nuovi divieti, vediamo quali misure saranno introdotte:

  • in Area C, che coincide con il centro storico o Municipio 1, non potranno più accedere i veicoli Euro 2 benzina, diesel Euro 3-4 (anche con filtro antiparticolato) e i diesel Euro 5. Verrà invece introdotto il pedaggio anche per i veicoli ibridi con emissioni di Co2 superiori a 100 grammi per chilometro, si stima circa  il 70% dei 18 mila cittadini che ogni giorno entrano in centro con un’auto ibrida.  
  • in Area B, quindi all’interno dei confini comunali, l’accesso non sarà più consentito alla stessa categoria di veicoli prevista per Area C, quindi Euro 2 benzina, diesel Euro 3-4 (anche con filtro antiparticolato) e i diesel Euro 5. In questo caso saranno però previste alcune deroghe: 50 ingressi garantiti all’anno, come e una percorrenza di 1.800 km per i diesel euro 4, il limite per gli euro 5 è in attesa di definizione, per chi deciderà di installare il dispositivo di Move-In previsto dalla normativa regionale che serve appunto a tenere monitorati i km percorsi. 

Continua la lettura con: Qualità dell’ARIA: Milano TERZULTIMA in Europa

FABIO MARCOMIN



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedentePer dormire da DIO: la CHIESA di Milano trasformata in HOTEL di LUSSO
Articolo successivoLa dittatura è il pensiero unico
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.