PORTA TOKYO: in questa FERMATA della METRO si arriva in Giappone

In Giappone si arriva in metro

0
Credits fumettologica.it - Kaju n8 corridoio

Un’installazione di fumetti manga ha trasformato una fermata della metropolitana di Milano in un avamposto del Giappone. Ecco di cosa si tratta e in quale stazione si trova.

PORTA TOKYO: in questa FERMATA della METRO si arriva in Giappone

# I fumetti Manga invadono la metro di Porta Genova

Credits fumettologica.it – Kaju n8

Dal 23 marzo la stazione di Porta Genova è diventata un avamposto del Giappone. Per due settimane, i milanesi che scenderanno nel mezzanino e prenderanno la linea M2 saranno circondati dai fumetti Manga: all’uscita dai treni, sui tornelli e sulle colonne dei corridoi. L’installazione realizzata all’interno della fermata non è altro che la promozione del fumetto Kaiju No. 8, che debutterà in Italia distribuito dalla casa editrice Star Comics, di cui è possibile leggere le prime 14 tavole lungo il corridoio. Il lancio spettacolare di questo nuovo fumetto nasce da una tradizione giapponese consolidata, quella di tappezzare i vagoni della metro di Tokyo con i Manga, e conferma come anche nel nostro Paese questo genere sia diventato ormai un fenomeno di massa.  

Leggi anche: Sapessi come è strano passeggiare tra le BOTTEGHE di TOKYO… a MILANO

# Da fenomeno di nicchia a fenomeno di massa

Sono già state vendute 5 milioni di copie di Kaiju No. 8 in Giappone, un milione per ognuno dei volumi che compongono la serie. I protagonisti di questo Manga scritto e disegnato da Naoya Matsumoto e in Giappone sono i Kaju, i mostri alieni già noti nel folklore giapponese grazie alla loro apparizione nella saga di Godzilla. Il fenomeno dei Manga giapponesi in Italia ha toccato il suo apice a settembre del 2021 quando per la prima volta nella storia dell’editoria italiana il volume One Piece, che nel mondo ha superato i 500 milioni di copie, era risultato il fumetto più venduto della settimana. Un riscontro che si nota ormai in molte librerie dove gli spazi dedicati a questo genere trovano sempre più spazio, da angoli nascosti si è passati a intere aree dedicate. 

Leggi anche: A Tokyo nascerà il GRATTACIELO del DIVERTIMENTO

Continua la lettura con: COSE ASSURDE viste sulla METRO di Milano

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità


Articolo precedenteLa caduta degli dèi
Articolo successivoI NIDI GIGANTI sui palazzi di MILANO: cosa sono e dove ammirarli?
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.