Il RESTYLING a colori di PIAZZA TIRANA

Il restyling del quadrilatero Lorenteggio, Inganni, Giambellino, Odazio: obiettivo è di rilanciarlo come quartiere di rinnovata vita sociale

Credit: milano.corriere.it

La collaborazione tra il Municipio 6, WAU (acronimo di We Are Urban) e l’organizzazione internazionale Nuova Acropoli, nell’ambito di una riqualificazione di alcune zone di Milano, ha portato il pregevole risultato di una trasformazione di Piazza Tirana.

Sede di una antica stazione ferroviaria e prossimamente di una fermata della linea metropolitana 4, la piazza ha vissuto un periodo di degrado come, d’altra parte, la zona adiacente.


Molte delle case Aler erano infatti state occupate abusivamente generando una situazione non arginata dal mancato intervento del Comune che per parecchio tempo ha latitato nei suoi interventi.

Il RESTYLING a colori di PIAZZA TIRANA

# Un’inversione di tendenza

Credit: milano.corriere.it

Negli ultimi mesi si è invertita la tendenza e sono stati effettuati dei lavori di riqualificazione tra via Segneri, Giambellino e Sanniti.

Piazza Tirana entra quindi a far parte di quegli spazi pubblici che subiranno una trasformazione quasi totale.



Un piccolo palco per esibizioni pubbliche, una scacchiera gigante, dei tavoli da ping pong, nuovi alberi e tanto, tantissimo colore faranno parte del nuovo arredo urbano della piazza che da qui al 2023, con l’arrivo della linea blu, subirà un vero e proprio cambiamento di look.

# Non solo Piazza Tirana

Credit: ilmilanese.news

Il quadrilatero Lorenteggio, Inganni, Giambellino, Odazio dovrebbe essere ridisegnato nel suo aspetto con l’obiettivo di rilanciarlo come quartiere di rinnovata vita sociale.

Si vedrà se gli spazi condivisi torneranno ad essere vivibili non solo per un make up fine a se stesso ma grazie a una serie di eventi che dovrebbero coinvolgere gli abitanti.

# Operazione di restyling frutto di una collaborazione

Per questo progetto si è chiesta la collaborazione a WAU, che da alcuni anni incentiva azioni culturali, street art, piccole trasformazioni urbane intervenendo direttamente con eventi volti al benessere fisico.

Tra questi troviamo tra il plogging, nuova disciplina che abbina la corsa e la camminata sportiva alla raccolta di rifiuti.

Non meno importante la presenza di Nuova Acropoli, organizzazione internazionale di carattere filosofico, culturale e sociale fondata nel 1957 a Buenos Aires (Argentina) dal professor Giorgio Angelo Livraga Rizzi (1930-1991), storico e filosofo e che opera nei 5 continenti.

Per tutte queste operazioni il costo è contenuto in linea con quanto richiesto da più tempo da parte di tutti gli organismi pubblici ma anche dalla cittadinanza sempre più esigente e attenta agli sprechi.

Continua la lettura con: Corso SEMPIONE: come procede la RIQUALIFICAZIONE per gli Champs Elysee di Milano

ROBERTO BINAGHI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)   

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa Milano LIBERTY: i 5 edifici dall’ “eccessiva eleganza decorativa” da non perdere
Articolo successivoI 5 BORGHI marini più BELLI d’Italia ma SOTTOVALUTATI
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.