Quando Gorla era la “Piccola Parigi”

Il villaggio dei "piacevoli sollazzi"

0
Il ponte vecchio - Ph. @_mybestitaly_ IG

Gorla, la gula (anfratto) del nord-est di Milano, è un quartiere del Municipio 2 che ancora conserva in sottofondo la sua anima di piccolo borgo rurale, essendo parte integrante della città solo dal 1923.
Un curioso aneddoto che ci riproietta al suo passato trova riscontro nel nomignolo di Piccola Parigi che le fu affibbiato nei primi anni dell’Ottocento.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Quando Gorla era la “Piccola Parigi”

piccola parigi
Credits: associazionelafenice.it

# Il villaggio dei “piacevoli sollazzi”

“La gradita posizione di questo villaggio, sul grandioso vialone che conduce alla villa di Monza, lo rende frequentatissimo dai milanesi, che la domenica vi passano il pomeriggio in liete mense e piacevoli sollazzi”.

Gorla era infatti rinomata per le sponde arborate delle sue nobili ville sul Naviglio Martesana, per il refrigerio che procuravano i suoi boschetti, per i sopracitati piacevoli sollazzi che mettevano insieme i piaceri delle tavolate imbandite con gli scorci suggestivi del Cantun Frecc, dove si trovavano, tra le altre, le residenze del medico personale di Napoleone, l’eclettico milanese Pietro Moscati. Al Cantun Frecc era solito soggiornare anche l’Arciduca Ferdinando d’Austria, che nelle sue gite meneghine si fermava spesso a Villa Felber, sulla sponda destra della Martesana.

https://www.associazionemneme.it/it/passeggiate-nei-luoghi-della-memoria-metropolitana/

# La Bois de Boulogne di Milano

Proprio grazie a queste sue frequentazioni nobili e cosmopolite, Gorla incominciò ad essere apostrofata come la Piccola Parigi, rievocando nelle menti degli avventori il pittoresco parco del XVI Arrondissement, lo storico Bois de Boulogne.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

 

 

Un altro testimone di questo periodo è il romantico Ponte Vecchio, che univa e ancora unisce Gorla con la dorsale di Crescenzago: costruito in pietra nel 1703 con una riconoscibilissima forma arcuata per consentire il passaggio dei barconi, è un vero e proprio punto di riferimento da secoli per i gorlesi, sopravvissuto alla scomparsa dei landmark delle ville di delizia sul Naviglio, su tutte Villa Angelica.

Continua la lettura con: Le 10 parole scelte dai milanesi per definire la Milano di oggi

HARI DE MIRANDA

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


Articolo precedenteLe due linee del passante da trasformare in M6 e M7 della metropolitana
Articolo successivo7 città al mondo dove non immagineresti mai che ci sia una metropolitana
Hari De Miranda
Giacché questa è la verità: ho abbandonata la casa dei dotti e ne ho chiusa la porta dietro di me.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome