Le AREE DISMESSE di Milano che hanno trovato NUOVA VITA dopo la riqualificazione

Cinque zone che sono state rilanciate da una radicale riqualificazione

Credits wikipedia.org - Bosco di Gioia

Dopo anni di abbandono queste aree hanno cambiato il loro volto. Scopriamo quali sono.

Le AREE DISMESSE di Milano che hanno trovato NUOVA VITA dopo la riqualificazione

#1 Symbiosis e Fondazione Prada hanno trasformato il sud della città

credit: areasymbiosis.com

A sud dello Scalo Romana il progetto Symbiosis, su un’area di 125.000 mq, ha riqualificato una zona in disuso da anni. Sulla base del masterplan firmato dallo studio Antonio Citterio Patricia Viel è stato realizzato l’headquarter di Fastweb con una nuova piazza, l’ICS International School, mentre sono in fase di costruzione gli ultimi edifici che ospiteranno tra gli altri la sede di LVMH. A ridosso dell’area nel 2015 era stata inaugurata la Fondazione Prada.


Via Adamello – Area Fondazione Prada nel 2008

Leggi anche: PORTA ROMANA 2026: the next big thing

#2 Il grattacielo di Regione Lombardia al posto del Bosco di Gioia

Credits: salesianilombardiaemilia.it – Palazzo Regione Lombardia

Palazzo Lombardia, sede della giunta regionale, ha preso il posto di un vivaio detto Bosco di Gioia, sfrattato nel corso del 2001. Dopo lo sfratto le varietà arboree presenti continuarono a crescere spontaneamente e indisturbate, mentre l’area era diventata un ricettacolo di prostituzione e spaccio locale. Dopo il disboscamento e la pulizia nel 2005 il nuovo edificio istituzionale è stato inaugurato nel 2011.

Credits wikipedia.org – Bosco di Gioia

#3 La Darsena restituita alla città nel 2014

foto andrea cherchi
foto andrea cherchi

Nel 2014, giusto in tempo per l’imminente Expo, la Darsena è stata riqualificata dopo anni di incuria e abbandono e querelle legali tra il Comune di Milano e la società che avrebbe dovuto realizzare un parcheggio sotterraneo. Ora è sempre molto frequentata, c’è un nuovo mercato comunale e locali con affaccio sull’acqua e anche piazza 24 maggio è stata riqualificata e pedonalizzata. Utilizzata anche per eventi, avrebbe solo bisogno di una “ripulita” e di una cura maggiore.



Darsena prima dei lavori

Leggi anche: La proposta di UrbanFile per RISOLLEVARE la DARSENA dal degrado

#4 La “piramide” nuova sede di Fondazione Feltrinelli 

credit: Instagram @umb.o

L’edificio firmato da Herzog & de Meuron, soprannominata la “piramide”, è stato realizzato nell’area compresa tra Viale Pasubio e Viale Crispi, lungo il tracciato delle antiche Mura Spagnole, risalenti al Quindicesimo secolo. Dal 2016 è la nuova sede di Feltrinelli e di Microsoft, che occupa la porzione minoritaria dell’edificio. A completamento del progetto, sul lato posteriore, è stata realizzata una passeggia verde, un mini boulevard caratterizzato da 30 alberi, percorsi pedonali e ciclabili.

Viale Pasubio nel 2012

Leggi anche: Il GIARDINO lungo la PASSEGGIATA PASTERNAK: un nuovo mini boulevard a Porta Garibaldi

#5 Porta Nuova e le Varesine al posto di aree incolte e “luna park”

Credits: Andrea Cherchi – Milano

Una delle riqualificazioni più grandi d’Europa, con investimento di oltre 2 miliardi è quello dell’area di Porta Nuova-Varesine che ha trasformato un’intera zona. Al posto di un immenso spiazzo incolto, dove per anni svettò la luminosa ruota del Luna park, spesso attorniata da tendoni e veicoli dei vari circhi di passaggio è nato il nuovo skyline del centro direzionale, dalla Torre Diamante alla Torre Solaria. Ha trovato posto la nuova piazza Gae Aulenti con il grattacielo più alto d’Italia, la Torre Unicredit di 231 metri, e il più grande parco pubblico aperto di Milano, la Biblioteca degli Alberi. 

luna park delle varesine
luna park delle varesine

Leggi anche: La metamorfosi delle “VARESINE”: dalla stazione ai grattacieli, passando per il luna park

Continua la lettura con: Piazzale Bacone a COLORI: completata la RIQUALIFICAZIONE

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.