Le 5+1 REGOLE NON SCRITTE nella METROPOLITANA MILANESE

I comportamenti fondamentali da tenere se non volete ricevere insulti sulla metropolitana

Tenere la destra

Non ci sono particolari obblighi o divieti formali, se non quello di pagare il biglietto oltre alle norme dettate dal vivere in una società civilizzata, ma alcuni comportamenti sono necessari per non incorrere in critiche o insulti durante un viaggio sulla metropolitana di Milano. Ecco i 5 più importanti da seguire.

Le 5 REGOLE NON SCRITTE nella METROPOLITANA MILANESE

#1 Tenere la destra sulle scale mobili

Tenere la destra

Quando prendete una scala mobile, mettetevi sulla destra e lasciate la parte sinistra a chi ha fretta di salire o scendere, senza aspettare il moto delle scale. Non credete che sia uno scherzo, rimanere in piedi sulla sinistra potrebbe farvi ricevere molti insulti: i milanesi hanno molto rispetto del tempo. Del proprio e di quello degli altri. 


#2 Lasciare scendere prima di salire

Credits: youinjapan.net – Giapponesi in fila indiana

Non si pretende certo l’ordine dei giapponesi che si dispongono in perfetta fila indiana ai lati delle porte della metropolitana, ma a Milano si usa porsi sulla banchina a destra o a sinistra delle porte del convoglio per lasciare lo spazio necessario perché i passeggeri a bordo possano uscire, aspettando con pazienza che siano usciti tutti prima di salire sul vagone. 

#3 Non fissare la gente

La metropolitana di Milano non è la corriera del paesello dove tutti vi conoscono o comunque potrebbero avervi visto ogni tanto in giro e hanno piacere a ricambiare il vostro sguardo con un sorriso. Nei vagoni della metro ognuno si fa gli affari suoi, chi legge un ebook o ascolta musica, mentre si reca al lavoro e non ha voglia di interagire con estranei che non vedrà mai più. Quindi non guardate in faccia e tantomeno non fissate nessuno: da evitare pure di sbirciare sui telefoni che rapiscono l’attenzione degli altri passeggeri. 

#4 Lasciare il posto a sedere agli anziani o alle signore

Anche se il milanese ha fretta e si fa gli affari suoi, è comunque educato e ha rispetto degli altri. In una metro affollata viene giudicato in modo molto negativo occupare un posto se ci sono persone anziane in piedi. Lo stesso per le signore. 



#5 Non mettersi vicino alle porte se non si deve scendere alla prossima fermata

Sempre per il fatto che i milanesi non hanno tempo da perdere, se non si deve scendere alla fermata successiva è considerato molto male bloccarsi davanti alle porte del vagone. Bisogna invece avere cura di lasciare il posto e lo spazio a chi dietro di ha bisogno di scendere.

#5+1 Non chiedere “Scusi, scende alla prossima?”

Collegata alla precedente, una regola non scritta per chi prende la metropolitana è non chiedere mai “Scusi, scende alla prossima?”. A meno che non abbiate davanti a voi una persona appartenente alla categoria che impropriamente si posiziona dalla porta, il milanese quasi certamente scenderà alla fermata successiva. In caso contrario vi lascerà lo spazio al momento opportuno oppure si fare da parte uscendo dal vagone per liberare il passaggio. Dover esplicitare un concetto così comune con questa domanda, rappresenta un vero insulto all’intelligenza del milanese.

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore