L’alternativa alla Centrale: il progetto di City Hub rivoluzionario per Milano

Treni + autostrada + Terminal autobus + (perfino) un eliporto: tutto in uno

0
Domus - Progetto nuova Stazione Centrale Milano

La stazione come spazio permeabile da attraversare, per connettere i poli della città-regione, creando un hub direzionale e infrastrutturale. Scopriamo cosa ci sarebbe potuto essere al posto dell’edificio inaugurato negli anni ’30, in base a un progetto pubblicato sulla rivista di architettura Domus.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

L’alternativa alla Centrale: il progetto di City Hub rivoluzionario per Milano

# La proposta di Carlo Moretti del 1976 di demolire “un enorme “monumento” dall’aspetto insulso e tronfio”

Credits: Andrea Cherchi – Stazione Centrale

La Stazione Centrale, inaugurata nel 1931 in sostituzione di quelle precedente nell’attuale Piazza Repubblica, avrebbe potuto essere demolita per far spazio a una mega struttura con molteplici funzioni. Questo era il pensiero di Carlo Moretti che nella proposta di ripensare l’area descriveva la stazione in Piazza Duca d’Aosta: “Lo scalo ferroviario della Stazione Centrale di Milano oggi si protende come una grossa spina verso il centro della città…Penetra nel centro senza alcuna contropartita: il viaggio, infatti, non si conclude li ma continua avventurosamente. La Stazione Centrale, che occupa un’area di 250X2.000 m, termina in modo bizzarro con un enorme “monumento”, ingombrante e scomodo, non funzionale per eccellenza, dall’aspetto insulso e tronfio di un lottatore da baraccone.”

Leggi anche: Quando la stazione Centrale era nell’odierna piazza della REPUBBLICA

# Cosa prevedeva il progetto

Domus – Progetto nuova Stazione Centrale

Erano due i macro interventi previsti, così come descritti dal suo proponente: 

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
  • eliminare l’inutile sovrastruttura del mausoleo-stazione, lasciando inalterato lo scalo ferroviario;
  • costruire – sopra le linee dei treni – “la nuova “city” della Regione Lombardia, nella scala, nella dimensione e con l’arditezza che l’epoca nostra consentono” sviluppando parallelamente alla “city” l’autostrada diretta all’esterno fino alle autostrade.

# La struttura nel dettaglio con tutti gli interventi immaginati

Domus – Progetto nuova Stazione Centrale Milano

Questa la nuova configurazione della stazione, sviluppata su 250 metri e circa 1,6 km di lunghezza, che non avrebbe previsto sventramenti ed espropri, ma “solo” la demolizione dell’edificio.

Domus – Piani nuova stazione

Al piano zero:

  • un sottopassaggio per lo svincolo del traffico locale;
  • la partenza delle corsie della superstrada sopra le linee ferroviarie per raggiungere la tangenziale est e l’autostrada;
  • sistemazione degli arrivi alla stazione con ampie banchine di sosta e di parcheggio per il carico e lo scarico dei passeggeri e dei bagagli;
  • scale mobili e ascensori sopra i terminal ferroviari-autobus-aerei.

Alla quota binari la riorganizzazione dei servizi per i passeggeri.

A 15 metri di altezza un terminal autobus tangente alle corsie della superstrada composto da 38 banchine per gli autobus, terminal per bagagli e merci e un parcheggio per 500 macchine ogni 100 metri di sviluppo longitudinale.

A 21 metri di altezza parcheggi e stazione passeggeri per eventuale eliporto.

# Connettere la città-regione

Gli obiettivi del progetto erano invece:

  • la costruzione del nuovo centro direzionale, di un’estensione potenzialmente illimitata, con spazio per sedi istituzionali e attività commerciali;
  • la realizzazione di un “terminal ferroviario-aereo-autobus-metropolitana“;
  • un’autostrada cittadina che facesse da ponte tra la città e il suo hinterland composto dai nuclei abitativi presenti e futuri, connettendo tutti i poli della città-regione;
  • un tornaconto di immenso valore non solo in termini urbanistici ma anche in termini economici: più di tre milioni di metri cubi costruibili nella prima fase;
  • “decongestionare la città dagli uffici che la snaturano, concentrandoli laddove convergono tutti i servizi”. Gli edifici vuoti avrebbero potuto essere adibiti a scuole, università, musei o oppure ad alloggi privati o collettivi. 

In questo modo il centro città sarebbe potuto ritornare ad essere “il luogo dei grossi interessi culturali ed artistici.”

Fonte: domusweb

Continua la lettura con: La nuova fermata ferroviaria di Milano: sarà la stazione più futurista della città (Immagini)

FABIO MARCOMIN

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteIl mondo sommerso del Ticinum Labirintus
Articolo successivoMilano, Scandinavia: il villaggio finlandese
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome