Perché SANKT MORITZ è così amata dai milanesi? 7 MERAVIGLIE UNICHE della perla dell’Engadina

Chi arriva dalla città dei Navigli non può che innamorarsi di un villaggio montano in riva a un lago su un immenso altopiano

Credits badruttspalace IG - Badrutt’s Palace

Perla delle Alpi incastonata a 1822 metri di altitudine, questa piccola località a soli 50 km dai confini con l’Italia è da decenni una meta obbligata per la borghesia milanese e non solo. Scopriamo perché.

Perché SANKT MORITZ è così amata dai milanesi? 7 MERAVIGLIE UNICHE della perla dell’Engadina

#1 Centro termale dalla fine dell’800

Credits iamchabba IG – Terme Sankt Moritz

Sankt Moritz è nata e si è sviluppata come centro termale agli inizi dell’800 e ancora oggi immergersi nelle acque ricche di ferro della zona è un appuntamento unico, in estate come in inverno. Le terme si trovano nella parte bassa del paese, Saint Moritz Bad, al Kurhaus.

#2 Un lago scenografico su un altopiano spettacolare

Credits anntraveldiaries IG – Lago di Sankt Moritz

Da una città dell’acqua a un paese sull’acqua. I milanesi non possono che sentirsi a casa in un villaggio di montagna su un altopiano in riva a un lago. Sia in estate, con i suoi bei colori vivaci, sia forse ancora di più in inverno, quando ghiaccia il piccolo lago di Sankt Moritz è scenografico e assume dei contorni fiabeschi. Inoltre sulla sua superficie scintillante si pattina, si fanno corse coi cavalli, la famosissima gara White Turf e si gioca a cricket. D’inverno sulla distesa bianca si individuano le sagome di persone che lo percorrono a passeggio. 

#3 Emblema del lusso in stile british

Credits FeJo4711-pixabay – Carlton Hotel 5 stelle Sankt Moritz

Una delle località turistiche più antiche ed esclusive d’Europa, perla delle Alpi incastonata a 1822 metri di altitudine, è da sempre emblema del lusso. Si è affermata come destinazione per le vacanze d’élite durante il secolo scorso, grazie al boom degli sport invernali, ha ospitato ben 2 edizioni delle Olimpiadi. Un lungo elenco di hotel di super lusso, boutique d’alta moda e ristoranti stellati. Pochi sanno che furono gli inglesi all’inizio del secolo scorso a renderla una icona internazionale. Era il luogo infatti dove gli aristocratici che provenivano da oltremanica sostavano prima di proseguire per le località sul mare in Italia e in Francia. Gli inglesi hanno forgiato il luogo, realizzando i primi impianti sportivi, tra cui lo skeleton che serviva ad allenare i militari, e organizzando i primi club esclusivi, il cui accesso ancora oggi è quasi impossibile. 

#4 Regina degli sport invernali

Credits julia.dizhak IG – Piste da sci Sankt Moritz

Sankt Moritz è una meta ideale anche per praticare molti tipi di sport: bicicletta, mountain bike, vela, canoa. A dettar legge però sono gli sport invernali: hockey sul ghiaccio, pattinaggio, bob, curling, ovviamente sci grazie a 350 km di tracciati e sci di fondo, senza scordare lo snowpark. La prima pista di bob e di skeleton fu ralizzata proprio qui. Esiste anche una pista nera per gli amanti della slitta

#5 Il casinò nel Grand Hotel Des Bains

Credits andrea.grazioli1992 IG – Sankt Moritz Casinò

Il Casinò nel Grand Hotel Des Bains è famoso per essere il più alto della Svizzera, a oltre 1.800 metri di altitudine. Un luogo imperdibili pe gli amanti del gioco d’azzardo, ma anche per chi vuole ammirare una location d’epoca e lussuosa.

#6 La pasticceria Hanselmann, il paradiso dei dolci

Credits leonessaribelle IG – Pasticceria Hanselmann

La storica Pasticceria Hanselmann, finemente decorata con i suoi interni che richiamano l’arredamento tipico della Belle Époque, è nata nel 1894 ed è una vera e propria istituzione a Sankt Moritz. Gestito dalla stessa famiglia da quattro generazioni questo paradiso dolci è una tappa da non farsi assolutamente mancare. Altro luogo iconico è l’Hotel Salastrains, con la vista mozzafiato sulle montagne. 

#7 Il viaggio per arrivarci a bordo del Bernina Express

Credits Peggychoucair-pixabay – Bernina express

La soluzione perfetta per arrivare da Milano a Sankt Moritz è recarsi in auto o in treno fino a Tirano e poi salire a bordo del treno rosso del Bernina Express. Nelle due ore mezzo di viaggio per arrivare a destinazione si attraversano dei paesaggi da favola, soprattutto se c’è la neve, tra dirupi, montagne e laghi che si possono ammirare grazie alle enormi vetrate dei vagoni. L’arrivo a Sankt Moritz è uno spettacolo da lasciare a bocca aperta. La ferrovia è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco

Leggi anche: Il TRENINO ROSSO: la NOSTRA FERROVIA delle ANDE (VIDEO)

 

Continua la lettura con: La PERLA delle ALPI, a 2 ore da Milano l’unico comune italiano VIETATO alle AUTO

FABIO MARCOMIN

Le altre località del giorno (per una gita da Milano):

AddaBiella, Brescia, BrunateGenova, ComoOrrido di NessoCrespi d’AddaTorrechiara, il parco speleologico di Dossena, Civate e il lago più vicino a MilanoOasi Zegna, Bormio, Lucchio, i Dolmen d’Italia, l’altra Santa Margherita, le Marmitte dei GigantiIsolino Virginia- l’isola di LotoLugano, il borgo superocolorato di PomponescoMeranoMorcote il villaggio più bello della Svizzera, MantovaIncisioni Rupestri della ValcamonicaLecco, Mandello del Lario, lo Snow Chalet di Livigno, l’Acquaworld, Grotte di Soprasasso, la Casa dei Maghi, il fiordo norvegese d’Italia di Crap de la Parè, il Treno del Natale, il capolavoro del Cinqucento Gualtieri, Lago di Carezza, Moltrasio “il borgo dell’amore”, Villa Selvatico, Castel Savoia la reggia della Regina Margherita, Glacier Express, la Pozza di LeonardoMartello il Comune che non parla italiano, La funicolare cabriolet di Grimselwelt, le “FilippineItaliane”Lodi, PaviaVigevanoBobbio, La savana di Cumiana, MonzaValsassinaBardineto il villaggio dei funghiValle d’Intelvi, Maranello, La terrazza del brivido di Tremosine, Ricetto di Candelo, Madonna di CampiglioVal Vigezzo la valle dei pittoriPunta SassoBubble Room, Portofino, BellagioLegnanoSottomarinaLe 5 TerreBroloPreda RossaLomelloBergamo, Il castello da fiaba di MadruzzoGaggioPusianoGera LarioChamoisLerici

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteBruno Arena, il fico di Milano
Articolo successivoFERMATA DEL GIORNO: 7 cose da fare e vedere intorno a SANT’AMBROGIO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.