Il “LAGHETTO DEI RIFLESSI” da PREMIO OSCAR a pochi chilometri da MILANO

È l'ambientazione di una delle scene più toccanti del film Premio Oscar. Ma il successo non gli ha portato la fortuna che merita

0
Credits: @ ballachetipassa IG

Crema e, in generale, il Cremasco hanno acquisito una grande notorietà dopo essersi prestati per l’ambientazione di un film campione di incassi. Ma il successo ha sempre un prezzo e, in questo caso, c’è anche un risvolto a tinte fosche.

Il “LAGHETTO DEI RIFLESSI” da PREMIO OSCAR a pochi chilometri da MILANO

# Il Laghetto dei Riflessi di Ricengo 

Credits: moviemaps.org

Un piccolo lago della campagna cremasca, vicino al fiume Serio, diventato una star del Cinema. Un luogo affascinante che ha raggiunto la celebrità in quanto sede di alcune delle scene del film “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino vincitore del Premio Oscar nel 2018 (con tre nominations). Stiamo parlando del Laghetto dei Riflessi.
Lo si raggiunge attraverso un breve sentiero che parte dalla stradina asfaltata che collega Ricengo con le periferia di Crema. Si può passeggiare su circa la metà delle sue sponde e ci sono postazioni per il pic-nic. 
A breve distanza si trova anche un’ampia e scenografica cascatella del vicino fiume Serio.

# L’altra faccia del successo: un luogo incontaminato che viene violato

Credits: @daveh00d IG

La notorietà raggiunta dal Parco del Serio e, in particolare, dal suo Laghetto dei Riflessi ha fatto sì che i visitatori aumentassero in modo esponenziale.

Ma molti ignorano un divieto: il Laghetto dei Riflessi non è balneabile. Questo fu stabilito e approvato già da diversi anni dallo specifico regolamento di fruizione.

Ci si potrebbe chiedere: “perché i visitatori ignorano questo divieto se è specificato?”. E il problema è proprio qui: degli incivili si divertono a distruggere i cartelli segnalatici e a non rispettare le altre norme, contribuendo alla diffusione di bagni vietati, festini e atti di vandalismo.

# Un luogo naturale da preservare e valorizzare

Credits: @toniomargiotta IG

Eppure, il divieto esiste e vuole tutelare i visitatori e la loro sicurezza. Infatti, sono aree non sorvegliate e pericolose anche per i nuotatori più esperti.

Ma non solo: l’utilizzo di queste aree può disturbare la sua fauna, che si allontanerebbe dalle proprie zone di alimentazione e nidificazione. Un laghetto da visitare,  sì, ma in punta di piedi.

 

Continua la lettura con: Il LAGO ALPINO più bello del mondo è a 3 ORE da MILANO

ALESSIA LONATI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl SUPERMERCATO dove si fa la SPESA GRATIS a Milano: come funziona e dove si trovano i due punti vendita
Articolo successivo#53 – La curiosa storia del CAMPANILE in un CONDOMINIO (video)
Alessia Lonati
Studentessa di Management e Design dei Servizi, i libri e la musica ispirano le mie giornate. È il dialogo con le altre persone ciò che amplia la mia conoscenza del mondo: mi consente di scoprire sempre nuove realtà. Una mia convinzione è "Panta rei", tutto scorre.