Dormire dentro una BOTTE DI VINO in Lombardia

Un luogo magico curato nei dettagli dove si dorme dentro un'autentica botte di vino

Credit: @alsilter

Ci piace dormire in posti stravaganti, non ci basta la vacanza piacevole e tranquilla, vogliamo qualcosa in più. 

Ed è proprio quel qualcosa in più che si trova nella Cantina Al Silter: la cantina in provincia di Bergamo dove si può dormire dentro una vera e propria botte di vino. 


Dormire dentro una BOTTE DI VINO in Lombardia

# La Cantina Al Silter 

Credit: @alsilter

Siamo a Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, e quello che all’apparenza sembra un palazzo moderno nel centro del paese, nasconde al suo interno una vera e propria perla lombarda: la Cantina Al Silter. 

La Cantina nasce dall’accurato recupero di un autentico Silter (tipico locale adibito per la stagionatura dei formaggi) della bassa Bergamasca.  

È una struttura unica ed esclusiva risalente al 1800 che può ospitare un massimo di 2 persone. 



La cantina è un connubio perfetto di tradizione e innovazione, tutta la struttura è infatti realizzata in mattoni pieni con una tipica costruzione a volte ma l’intera opera di ristrutturazione è stata realizzata con materiali di recupero, riciclati e riutilizzati. 

# Dormire in una botte 

Credit: @alsilter

Dormire in una botte è un’esperienza insolita e particolare da provare almeno una volta nella vita. 

La location stravagante ma essenziale è infatti famosa per la possibilità di dormire in un’autentica botte di vino da 30 quintali, recuperata e rimontata in loco dove vi è stato ricavato un letto. 

# Solo due posti

Credit: @alsilter

Questa struttura è perfetta per una serata romantica, la Cantina Al Silter consta infatti di un unico ambiente per due persone dove, oltre alla botte, si trovano una vasca da bagno in ghisa e una vera e propria cantina con etichette pregiate. 

Niente è lasciato al caso, come il rubinetto del bagno dove l’acqua esce da una bottiglia per poi proseguire lungo un’autentica “canala” del ‘700, fino ad arrivare al lavandino in pietra, risalente al 1500. 

Durante questo soggiorno c’è la possibilità di ordinare un aperitivo a base di tagliere con prodotti tipici ed è inutile dire che vino, spumante e champagne non mancheranno.  

Al mattino, invece, al risveglio c’è una prima colazione servita all’interno di un cestino da pic nic con prodotti locali e fatti in casa come yogurt, marmellate e brioches. 

# Un’esperienza bella ma non per tutti 

Dormire in una botte di vino probabilmente non è un’esperienza per tutti. Per alcuni dormire in questa botte di legno senza finestre che danno su un grande panorama, senza connessione internet o senza tv non è il sogno della vita. 

Potrebbe non essere il sogno di tutti ma dormire in un’originale botte di vino è sicuramente un’esperienza curiosa e unica.

La Cantina Al Silter regala una notte che torna un po’ indietro nel tempo, al profumo del legno e alla tranquillità delle vecchie case di campagna.

Ed è proprio per questo viaggio indietro nel tempo, che molte persone ogni settimana prenotano la loro botte di vino in Lombardia. 

Fonti: montagnadiviaggi.it

Continua la lettura con: A un’ora da Milano si può DORMIRE nella CAMERA appesa a un ALBERO

ARIANNA BOTTINI

Leggi anche: L’Eurovision non è un grande affare. Ma Milano lo vuole

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.