Villa Zanoletti: il GIARDINO VERTICALE di via Mozart

Villa Mozart nel mezzo del "Quadrilatero del silenzio". Ma come si chiama realmente? E qual è la sua storia?

Cred

Villa Zanoletti, nota a tutti come Villa Mozart, è nel bel mezzo del Quadrilatero del Silenzio. Da chi e quando è stata costruita la villa che oggi è ricoperta da piante rampicanti?

Villa Zanoletti: il GIARDINO VERTICALE di via Mozart

# Villa Mozart nel “Quadrilatero del Silenzio” 

Credits: ad-italia.it

Conosciuta da tutti come Villa Mozart, per la via in cui essa si trova, Villa Zanoletti è un capolavoro déco, stile decorativo molto stilizzato degli anni Venti-Trenta del Novecento, sede della maison di alta gioielleria di Giampiero Bodino. L’abitazione fu costruita nel 1926 dall’architetto Aldo Andreani e venne progettata in una parte del giardino della proprietà Serbelloni e fino al 1996 è stata sede del Rotary Milano. Oggi fa parte del Quadrilatero del Silenzio composto da via Serbelloni, via Mozart, via Cappuccini, via Vivaio. L’oasi del silenzio si contrappone alla frenesia della città e fa si che possano respirare le memori di scrittori come Giuseppe Parini, Alessandro Manzoni e Cesare Beccaria. 

 

# Il giardino verticale ricoperto di piante rampicanti. La “magnifica sintesi tra artificio e natura”

Credits: amici-in-allegria.blogspot.com

Lungo via Mozart si può ammirare Villa Zanoletti. Caratteristica della Villa è il giardino verticale di altri tempi ricoperto di edera che si apre dietro ai Giardini di via Palestro, davanti a Villa Necchi Campiglio. Le pareti della villa sono interamente ricoperte da piante rampicanti che si incastrano perfettamente con le grate in ferro battuto delle finestre.
“Se la fitta pianta rampicante che ricopre villa Mozart cela alla vista la sua raffinata architettura, essa ne prende inevitabilmente la forma, diventando una magnifica sintesi tra artificio e natura e una profezia dell’ambiente urbano che vorremmo.” è ciò che afferma il noto architetto Cino Zucchi.

 

Fonte: ad-italia

Continua la lettura con FIDIA: il PALAZZO “JAZZ” di Milano

MARCO ABATE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.