Nuove tratte in arrivo: viaggeremo in EUROPA su TRENI superveloci. Anche di NOTTE

Tutto questo in arrivo dalla fine del 2021. Ed entro il 2024 la rivoluzione sarà completata

Credits: wikipedia.org

I treni Tee tornano in versione 2.0. Riduzione dei prezzi, maggiori tratte che collegano tutta Europa e la salvaguardia dell’ambiente sono tra i tanti motivi del loro ritorno, alimentato da un nuovo accordo che unisce diverse nazioni europee e apre nuove tratte. Tutto questo in arrivo dalla fine del 2021.

Nuove tratte in arrivo: viaggeremo in EUROPA su TRENI superveloci. Anche di NOTTE

# Treni TEE 2.0: Nuove tratte già dal 2021

Credits: wikipedia.org

Il nuovo accordo tra le ferrovie francesi, svizzere, austriache e tedesche darà il via, già dal 2021, ai servizi diretti e ad alta velocità tra diverse nazioni senza controlli doganali, senza convogli ma soprattutto con appositi servizi notturni.


Il progetto 2.0 partirà da fine 2021 con le tratte Vienna-Monaco-Parigi e Zurigo-Colonia-Amsterdam. Dall’anno successivo partirà inoltre un treno che collegherà Zurigo a Milano, Roma e infine Barcellona. Roma-Amsterdam sarà collegata via Zurigo e i tempi di percorrenza saranno di circa di 13 ore.

# Entro il 2024 si passerà da 5 a 24 tratte: con la Svizzera nuovo cuore d’Europa

Credits: wikipedia.org

Se la versione 1.0 offriva biglietti solo di prima classe con tariffe non accessibili a tutti, nella versione 2.0 aspetto importante è stata la riduzione dei prezzi dei biglietti con la possibilità di applicare delle agevolazioni tariffarie approvate dall’Unione Europea. L’amministratore delegato della rete elvetica, Vincent Ducrot si è soffermato sulla possibilità di offrire mobilità alternativa a bassissimo impatto ecologico e la Svizzera, entro il 2024 riuscirà a garantire ben 24 tratte rispetto alle 5 che presenta al momento.

# L’effetto Greta incide sulla scelta dei mezzi di trasporto

Credits: missionline.it

In un mercato dei trasporti in piena trasformazione, il rilancio del progetto è nato dalla liberalizzazione dei trasporti ad alta velocità in Europa e la possibilità oggi di viaggiare su materiale rotabile più uniforme che non obbligo a cambi di locomotive e carrozze.



Ricollegabile a questa iniziativa è l’ “effetto Greta”, ovvero la nascita di nuove generazioni di viaggiatori molto attenti alla cura dell’ambiente al punto di evitare viaggi aerei. Infatti per un viaggio da Londra a Parigi in treno si generano 22kg di CO2 mentre in Jet si arriva addirittura a 244kg di CO2, mentre pensando a un viaggio nazionale per la tratta Milano Roma si arriva a generare 14 kg di CO2 in treno contro i 94kg in Jet.

Oltre a questo si prevede la riscoperta dei viaggi in treno, come momento per assaporare ritmi più blandi e atmosfere più autentiche per il viaggiatore. 

Continua la lettura con In arrivo il TRENO più VELOCE del MONDO: farebbe Milano-Roma in 1 ora

MARCO ABATE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social