MATTONI D’ORO: qual è il PREZZO al MQ di una CASA a Milano? E il QUARTIERE che si è APPREZZATO di PIÙ?

I RECORD dell’ANNO a Milano

Credits dimitrisvetsikas1969-pixabay - Milano via Dante

La Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi attraverso una commissione di rilevazione composta dalle principali associazioni di categoria ed ordini professionali del settore immobiliare ha annunciato nella giornata di martedì 29 marzo gli ultimi dati del mercato relativi al 2021. Vediamo i numeri principali che sono emersi.

MATTONI D’ORO: qual è il PREZZO al MQ di una CASA a Milano? E il QUARTIERE che si è APPREZZATO di PIÙ? 

# Il prezzo medio di una casa nuova è cresciuto del 13% tra il 2020 e il 2021 sfiorando i 6.000 euro al mq

Ph. Dimitris Vetsikas (Pixabay)

Nella giornata di martedì 29 marzo la Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, attraverso una commissione di rilevazione composta dalle principali associazioni di categoria ed ordini professionali del settore immobiliare, ha annunciato i dati del mercato del 2021. Rispetto al 2020 si è registrato una crescita del 13% relativamente al prezzo al mq per l’acquisto di una casa nuova a Milano, con un valore passato dai 5.210 ai 5.898 euro di fine 2021. Negli ultimi sei mesi l’aumento è stato dell’1,1%.


# Il boom delle periferie con crescita anche in doppia cifra: Salomone-Bonfadini al primo posto con un +10,1% in 12 mesi

Salomone-Bonfadini

A trascinare i valori immobiliari medi verso l’alto ci hanno pensato le periferie, dove si sono registrati gli aumenti maggiori, soprattutto a Nord con +1,9% e a Est con +1,7%. Ecco dove nel dettaglio:

  • oltre l’8% ci sono le zone di Salomone-Bonfadini, con un +10,1%, Accursio, 9,2%, e Musocco-Villapizzone, 8,8%.
  • sotto questa soglia troviamo Pellegrino Rossi – Affori – Bruzzano con + 7,8%, Quarto Oggiaro con +7,0%, Fulvio Testi – Cà Granda con +6,9%, Baggio – Quinto Romano con + 6,4% e Gen. Govone – Cenisio con + 6,1%;
  • tra il 4,1% e il 6% le zone di Padova – Palmanova a + 6,0%, Argonne – Corsica a +5,4%, Pacini – Ponzio a + 5,2%, Carbonari – Maggiolina a +4,7%, Brianza – Pasteur a +4,6%, Ronchetto a + 4,5%, Lagosta – Stazione Garibaldi a +4,3%;
  • nell’ultima fascia di aumento troviamo i quartieri di Abruzzi – Romagna con +4,0% e Santa Giulia – Rogoredo con +3,8%.

# Le zone più care della città: il Quadrilatero della Moda e il “supercentro” con prezzi fino a quasi 13.000 euro al mq

Credits dimitrisvetsikas1969-pixabay – Milano via Dante

Le zone centrali o semi-centrali rimangono sempre quelle più care, anche se i prezzi sono sostanzialmente stabili, la crescita media è dello 0,3%, salvo qualche aumento o decremento di massimo 1 punto percentuale. Vediamo i quartieri con prezzi al mq più alti di Milano:

  • sopra i 10.000 euro al mq troviamo: Spiga – Montenapoleone con 12.950, Vittorio Emanuele – S.Babila con 12.450, Diaz – Duomo – Scala con 11.950 rispetto, Parco Sempione – Castello con 11.000, Brera con 10.725 e Cairoli – Cordusio con 10.550;
  • tra i 9.000 euro e i 10.000 al mq ci sono le zone di Venezia – Monforte con 9.450, Nirone – S.Ambrogio con 9.425, Repubblica – Porta Nuova con 9.350;
  • nella fascia compresa tra gli 8.000 e i 9.000 euro al mq l’area attorno a Largo Augusto con 8.850, Missori – S.Sofia con 8.525, Leopardi – Boccaccio – Pagano con 8.350 e infine Solferino – Corso Garibaldi con 8.150.

Continua la lettura con: RECORD per le CASE EXTRA-LUSSO in VENDITA a Milano: immobili per 4,6 miliardi

FABIO MARCOMIN



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.