Le parole del DIALETTO MILANESE derivate da lingue STRANIERE

Da mondeghìli a cadrega e persino bauscia: sono almeno 8 i ceppi linguistici stranieri che hanno influenzato il milanese

Credits: @La-Vecchia-Milano FB

La lingua di una città come Milano, che nei secoli ha subito tante dominazioni straniere,
non può che risentire degli influssi dei popoli che, nel tempo, da Milano sono “passati”.

Le parole del DIALETTO MILANESE derivate da lingue STRANIERE

# Influsso celtico

Credit: @alessiaproserpio

L’influsso dei Celti (i Galli per i Romani) è inequivocabile nella fonetica del nostro dialetto, che presenta molti suoni comuni alla lingua francese ma assenti in quella italiana.


Fra le parole che derivano dal linguaggio dei druidi, la prima da ricordare è il nome stesso di Milano: i romani la chiamarono Mediolanum, latinizzazione di “Medhelan”.

Nell’antica lingua celtica questo termine sta ad indicare una “terra sacra in mezzo alla pianura”. Fu qui che a metà del VI secolo a.C. i druidi costruirono il loro primo importantissimo santuario, al centro di coordinate astrali e terrestri ritenute estremamente favorevoli. Ubicazione di questo centro nevralgico della spiritualità celtica è l’odierna Piazza della Scala.

Tanti sono i vocaboli del dialetto milanese dove si ritrova una sicura radice celtica: arent
(da renta):vicino; bricch (da brik): dirupo; bugnón (da bunia): rigonfiamento, bubbone;
ciappà (da hapà): prendere; garón (da calon): coscia; rùsca (da rusc): buccia, corteccia.



# Influsso latino

Credit: ciakclub facebook

Moltissimi sono i vocaboli di derivazione latina presenti sia nella parlata milanese che
nell’italiano, ma ce ne sono alcuni che nella lingua italiana non trovano riscontro: erborín
(da herbulam): prezzemolo; erbión (da herbilium): pisello; incœu (da hinc hodie): oggi;
quadrèll (da quadrellum): mattone; sgagnà (da ganeare): addentare mordere; stralùsc
(da extra lux): lampo, bagliore; tósa (da tonsam): ragazza.

Arimòrtis/Arimo: l’espressione utilizzata dai bambini milanesi per fare una pausa in un
gioco deriva da alea morta est (il gioco è morto, interrotto). E arivivis che si usa per
riprendere il gioco, deriverebbe da alea viva est, ovvero il gioco ricomincia.
Te doo nagòtt : non ti do niente, deriva da una storpiatura della frase latina “tibi do nec
guttam” che significa “non ti do neanche una goccia”.

E dato che il latino volgare era ricco di lemmi derivanti dal greco antico, il dialetto milanese possiede anche parole che derivano da quest’ultimo idioma come, ad esempio, cadrega (dal greco càthedra): sedia.

# Vocaboli di origine longobarda/gotica

Credit: Pinterest

Con la caduta dell’Impero Romano e l’arrivo dei barbari, il milanese si è arricchito di lemmi
derivanti dalle lingue gotica e longobarda. A differenza dei Romani, i germanici non
imposero mai la loro lingua e quindi la parlata locale rimase sostanzialmente romanza.

Ma molte parole derivanti da questi due idiomi sono giunte sino a noi: dal longobardo, baùscia (da bauschen): gonfiarsi – tipica parola usata per identificare il
milanese un po’ sbruffone -; busècca (da butze): trippa; scòss e scossaa (da skauz):
grembo e grembiule; stracch (da strak): stanco e dal gotico, biott (da blauths): nudo.

# Vocaboli di origine provenzale

Nel nostro dialetto ci sono anche vocaboli riconducibili all’antico provenzale, a
dimostrazione di importanti “scambi culturali” transalpini: boffà (da bouffar): soffiare,
ansimare; dervì (da durbir): aprire; quattà (da descatar): coprire; setàss (da sassetar):
sedersi.

# Vocaboli di origine spagnola

Credit: @italiasquisita

Come conseguenza del dominio spagnolo sul Ducato di Milano, il dialetto milanese si è arricchito di nuovi lemmi, come lócch (da loco): stupido, teppista; pòss (da posado):
raffermo; rognà (da rosnar): brontolare; scarligà (da escarligar): scivolare; stremìzzi (da estremezo): spavento; tarlùcch (da tarugo): pezzo di legno, duro di comprendonio,
zuccone.

A questo elenco si aggiunge Mondeghìli: le famose polpette milanesi derivano dal catalano mondonguilha, mentre smorzà deriva dal basco smorzar: spegnere

# Vocaboli di origine francese

Credit: ricetta.it

Con Illuminismo e invasioni napoleoniche, il dialetto milanese si arricchì di lemmi derivanti
dal francese: articiòch (da artichaut): carciofo; busción (da bouchon): turacciolo; ciffón
(da chiffon): comodino; clèr da (éclair): saracinesca; giambón (da jambon): prosciutto;
fàtt (da fade): insipido; fránch (da francs): soldi; plafon (da plafond): soffitto; rebellòtt (da rébellion): disordine, confusione.

Alcune parole sono addirittura identiche: “oeuf”, “noisette” e “assez” che significano rispettivamente uovo, nocciole e abbastanza, mentre sacranón: accidenti, perbacco, tipica imprecazione milanese usata anche come epiteto ingiurioso “ti te seet on sacranón!” inteso come “sei una bestia!”, è una storpiatura della frase francese “Sacrè nom de Dieu”.

# Vocaboli di origine austriaca

Credit: greenme.it

Parole di radice tedesca si innestarono sul dialetto milanese all’epoca della dominazione
austriaca: ghèll e ghèi (da geld): soldi in generale ma più esattamente i centesimi.

Per dire che una persona o una cosa valevano poco si diceva infatti “el var cinqu ghèi” e infine móchela: smettila.

# Vocaboli di origine inglese

Credit: blog.urbanfile.org

E per non farci mancare niente, abbiamo anche qualche espressione derivante
dall’inglese, anche se scritte e pronunciate a modo nostro!
Brùmm e Brumìsta (da brougham): termini utilizzati rispettivamente per carrozza e per
chi la guidava, il vetturino. Prendiamo dall’inglese anche sánguis (da sandwich): panino imbottito.

Continua la lettura con: 10 PAROLE del DIALETTO MILANESE intraducibili in ITALIANO

ANNA RITA BORDONI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.