LE 5VIE: il quartiere più antico di Milano

Nel cuore della metropoli pulsa una stella a 5 punte: le vie più antiche ed esoteriche di Milano

Credits: 5vie.it

Zona 1 di Milano, Duomo. All’ombra della Madunina c’è un labirinto di stradine che si intrecciano. Un incrocio molto importante per la storia della città: le 5VIE, il quartiere più antico del capoluogo lombardo, una volta circondato da boutique e palazzi della famiglia Borromeo. La sua storia risale all’epoca dell’Impero Romano e lo si nota dai resti imperiali e dai monumenti.

Il lembo della città è denominato così proprio perché è formato da 5 strade. Il loro punto d’unione è il cuore di una stella da dove partono le punte che si dirigono in Via Bocchetto, Via del Bollo, Via Santa Maria Fulcorina, Via Santa Marta e Via Santa Maria Podone. Proprio in quest’ultima strada si trova una delle chiese più antiche di Milano: la Chiesa di Santa Maria Podone, risalente al IX secolo e fondata su un terreno donato da Vuerolfo Podone.


LE 5VIE: il quartiere più antico di Milano

# Il brandello in Via del Bollo

Credits: blog.urbanlife.org

Addentrandosi nelle vie, strette, belle, incastrate, si possono notare delle caratteristiche uniche, a tratti inquietanti. Per esempio, in Via del Bollo c’è un edificio distrutto dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale: da una delle tante fessure presenti su ciò che rimane della facciata è visibile un brandello di quello che dovrebbe essere un abito, lì da più di 70 anni.

Sapete perché si chiama Via del Bollo? La risposta è quasi scontata: in passato sorgevano gli uffici postali e, attualmente, a pochi passi, si trova il palazzo del 1910 della Posta Centrale.

# Una area strategica già dagli anni 30

Credits: 5vie.it

Negli anni 30 anche il Banco di Roma aprì in zona una sua filiale. Non a caso, a poca distanza, si trova la Borsa di Piazza Affari con l’iconico “ditone medio” di Cattelan. Si era già intuito che l’area avrebbe avuto un grande sviluppo economico e commerciale. Nel corso degli anni le attività sono variate, passandosi i testimoni tra magazzini e boutique.



# La storia di Milano nelle 5Vie e qualche curiosità

Credits: tripadvisor

Mettiamo da parte la Milano del “commercio” per ricordare la parte intellettuale e poetica della città. Spostiamoci in Via Santa Maria Pedone, al civico 3. Qui, merita la citazione una targa apposta sulla facciata dell’edificio che dice: “In sto canton vecc del nost Milan, l’è vivuu e l’è mort Gaitan Crespi, poetta e studios de la lengua meneghina, ambrosianon de coeur e de carater”. È dedicata al poeta e studioso Gaetano Crespi, autore del Canzoniere Milanese, che abitò proprio in questo stabile.

In Via Santa Marta 19 abitò invece un giovanissimo Giuseppe Verdi, ospite del Professore di Lettere Giuseppe Seletti, con cattedra nella vicina scuola.

Ora andiamo in Via Santa Maria Fulcorina, nella zona della Famiglia Borromeo, ricchi mercanti fiorentini. La loro dinastia ebbe inizio con Vitaliano e Giovanni, consiglieri del Duca di Milano Francesco Sforza.

Proprio Vitaliano, militare, mecenate, diplomatico, diede inizio ai lavori per la costruzione del Palazzo Borromeo. Senz’altro una meraviglia dell’architettura, con finestre in cotto, decorazioni pittoriche che riproducono il motto della famiglia “Humilitas”, saloni con affreschi che rappresentano i passatempi dell’epoca e uno dei cortili più belli ed eleganti di Milano.

# 5VIE, ART+ DESIGN

Credits: zero.eu

Oggi, il quartiere più antico di Milano punta a diventare un distretto innovativo con radici secolari grazie anche all’associazione no-profit 5VIE, ART+DESIGN.

L’associazione culturale, fondata da Emanuele Tessarolo e Ernesta Del Cogliano, ha come obiettivo la trasformazione del quartiere, dall’elevato valore culturale e storico, in un distretto del design e dell’innovazione. Un luogo in cui antico e moderno si incontrano e si incrociano.

Sono numerose le realtà con cui l’associazione collabora, dalla diocesi al Comune di Milano alla con Fondazione Cariplo.

5VIE ART+DESIGN fu fondata nel 2014 durante la Design Week, riscuotendo fin da subito un grande successo fra gli addetti ai lavori, ma anche tra la stampa nazionale ed internazionale.

Continua la lettura con: Diamo i NUMERI (alle VIE di Milano)

ANGELA CALABRESE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteUna PASSEGGIATA fra le opere di ARNALDO POMODORO a Roma e dintorni
Articolo successivoI 13 borghi ITALIANI dove una CASA costa come un CAFFE’
Angela Calabrese
Nasco a Milano nel 1979, lavoro in una multiservizi e ho avuto esperienza in un'agenzia di comunicazione, iniziata come impiegata fino a diventare copywriter dove scrivevo per un web magazine. Da bambina sognavo di scrivere libri perché ho da sempre la passione per la scrittura. Amo la musica e l'arte in generale. Nelle mia vene scorre sangue siculo-lucano ma il mio cuore nasce e vive da sempre a Milano. La città che amo, quella che se non sai cosa fare, ti dà sempre l'idea giusta. La città delle opportunità, il perfetto mix tra fascino antico e moderno.