La “PORTOFINO del lago di GARDA”

Dove lasciare "gli affari e gli affanni alla città"

0
guerra.elisa IG - San Vigilio

Una stupenda penisola che con il suo fascino ha ammaliato alcuni dei personaggi più famosi della storia. Non solo: nasconde anche una leggenda conturbante.

La “PORTOFINO del lago di GARDA”

# Punta San Vigilio, un angolo di paradiso sul lago di Garda

Siamo in Veneto, in provincia di Verona. Sulle sponde orientali del Lago di Garda c’è un piccolo angolo di paradiso: Punta San Vigilio. Si tratta una stupenda penisola nel Comune di Garda di proprietà dei Conti Guarienti di Brenzone che alla natura unisce, storia e arte guadagnandosi l’appellativo di “Portofino del Lago di Garda”.

Da vedere Villa Guarienti, abitata già in epoca romana e ai giorni nostri location utilizzata anche per matrimoni, o l’edificio originario del ‘500 la Locanda San Vigilio, oggi hotel e ristorante con una meravigliosa terrazza sul lago.

guerra.elisa IG – San Vigilio

Percorrendo la stradina di ciottoli si può inoltre vedere uno scorcio dell’antica limonaia di San Vigilio, oggi parte della locanda. 

# Il fascino della penisola ha ammaliato alcuni dei personaggi più illustri della storia

stefyxotto IG – Punta San Vigilio

Questa incantevole lingua di terra affacciata sulle acque del lago ha nei secoli affascinato e attirato visitatori da ogni parte del mondo, ammaliati dalla vista del tramonto sulle sue acque, anche alcuni tra i personaggi più illustri della storia. Tra questi l’Imperatore Alessandro di Russia, Maria Luigia duchessa di Parma, il re di Napoli, Winston Churchill, la pittrice Edith Junghans, Laurence Olivier, Vivien Leigh e re Carlo d’Inghilterra.

# La Baia delle Sirene

_silvia_graz IG – Baia delle Sirene

In estate si può passare del tempo fra un bagno e la tintarella nella spiaggia di Baia delle Sirene, racchiusa tra Garda e Torri del Benaco, un meraviglioso parco naturale con una splendida spiaggia attrezzata, immersa in un uliveto. Secondo una leggenda, tra i forti mulinelli delle acque del lago nuoterebbero delle creature metà donna e metà pesce. In una calda notte d’estate di tanto tempo fa queste meravigliose sirene apparvero ad alcuni pescatori intenti a riposarsi offrendo loro una bevanda che li rinvigorì invogliandoli a fare ritorno presto a casa dalle proprie mogli.    

# Come arrivarci

Milano-Punta San Vigilio

Da Milano ci vogliono circa 2 ore di auto, percorrendo l’autostrada A4 o in parte anche la Brebemi e poi la strada gardesana orientale. In alternativa arrivando a Garda ci sono altre opzioni. A piedi camminando per 3 km sul lungolago, in bicicletta, o in barca. L’approdo via acqua è nel suggestivo porticciolo che accoglie i suoi visitatori con la lapide che ricorda di lasciare “gli affari e gli affanni alla città” per godere appieno dell’atmosfera suggestiva del luogo. Con un unico sguardo si possono vedere il lago, la montagna, la sagoma della Rocca di Manerba e il Golfo di Salò.

Continua la lettura con: Vacanza sul LAGO DI GARDA (sponda VENETA): 10 mete da sogno

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteI 7 LUOGHI più STRANIANTI di Milano 
Articolo successivo#40 – Dèrgano o Dergàno? 10 motivi che rendono speciale il quartiere della RIVOLUZIONE CONTADINA
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.