Il CITTADINO non è un NEMICO

Il modo di combattere il virus ha portato alla luce un sistema per cui il cittadino è un potenziale pericolo. L'allarme è che stiamo costruendo una società dove non è in discussione il vivere, ma il vivere con gli altri. Per evitare questo c'è una sola via di uscita

Credits: ilfattoalimentare.it

Fin da subito in Italia abbiamo adottato le regole più repressive contro i cittadini. Un lockdown senza eguali in Europa a cui sta seguendo una “fase due” fatta di obblighi e divieti molto più restrittivi. Mentre gli altri paesi europei riprendono una vita normale in Italia vige la regola base del distanziamento sociale. Ma sarebbe un errore considerare questo come effetto del Covid: in realtà si tratta di qualcosa di più profondo. Per capirlo facciamo qualche passo indietro. A quando si invocava il “chiudiamo tutto”. 

Il CITTADINO non è un NEMICO

Il lockdown o, meglio, la chiusura totale, con cui l’Italia ha basato la sua lotta al virus non è stata una iniziativa presa in autonomia dal governo o dalle autorità. Alle prime avvisaglie di pericolo è stata la stessa collettività, i media, i cittadini, tutte le forze di opinione hanno alzato la richiesta del “chiudiamo tutto”. A quel punto la scelta politica è stata una conseguenza. Analizzando a posteriori quello che è successo dobbiamo farci diverse domande. La prima è questa: se siamo stati i primi e gli unici a chiudere con queste restrizioni così dure, come è possibile che ci ritroviamo ad essere dopo tre mesi ancora il Paese nell’Unione Europea dove ci sono i morti giornalieri più alti (e non di poco)? E non solo non ne siamo ancora usciti negli aspetti più drammatici, i decessi, ma siamo anche quelli che sono rimasti più lontani dal riprendere una vita normale. 


Leggi anche: 🔴 Dati 10 giugno. LOMBARDIA: risalgono i decessi (32), meno di 100 contagi giornalieri (99), solo 10 a Milano. Si dimezza l’indice positivi/tamponi (1,1%)

Ma soprattutto che ripresa può esserci in un Paese in cui la regola cardine del vivere in comune è quella del distanziamento sociale? In un paese in cui mascherine, termometri, strumenti di protezione e di allontanamento ricordano in ogni momento che ogni persona è un potenziale pericolo per gli altri? Ma forse la cosa più grave per il futuro è quella che stiamo innescando un’ “economia della disgrazia”, alimentando la produzione e la vendita di beni e servizi che non sono finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle persone, ma all’opposto: di un suo progressivo peggioramento.  

STIAMO alimentando la produzione E LA VENDITA di beni e servizi che non sono finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle persone, ma all’opposto: di un suo progressivo peggioramento. 



Il rischio di alimentare un’economia che distrugge il valore invece di crearlo

Come molti esperti di economia sanno non è la domanda a creare l’offerta, bensì l’opposto: è l’offerta il motore che alimenta la domanda. Non si sono prodotte le automobili quando i consumatori si sono stancati dalle carrozze, ma è dall’invenzione delle auto che si è innescata la domanda di questo nuovo mezzo di trasporto. Lo stesso vale per ogni innovazione, dal computer agi smartphone. Che sia l’offerta a creare la domanda lo abbiamo visto anche nell’emergenza Covid. Pensiamo alle mascherine.

Oggi sono rese obbligatorie e da diverse settimane sono un vero e proprio cavallo di battaglia nell’opinione pubblica. Si sono criticate manifestazione pubbliche misurandole su quante persone indossassero la mascherina e si dibatte ogni giorno su quanto sia importante utilizzarle per sconfiggere il virus. Eppure questo capita in un momento in cui l’epidemia sta volgendo al tramonto, con numerose regioni italiane che segnano nuovi contagi pari a zero. Se facciamo qualche passo indietro vediamo che non è sempre stato così, anzi. Proprio a marzo, nel momento in cui l’epidemia era al suo massimo, le mascherine non erano obbligatorie e l’attenzione sul tema era molto bassa, senza che nemmeno si pretendesse l’obbligo. L’unico motivo per cui non lo si faceva era che non c’era un eccesso di produzione: la domanda di mascherine era superiore alla produzione.

Quando la produzione è diventata tale da poter essere smaltita attraverso un massiccio impiego, a quel punto le mascherine sono state rese obbligatorie e sono diventate uno strumento di dibattito politico, addirittura di misurazione del grado di civiltà di un popolo. Poco conta che superando la frontiera ci si ritrovi in paesi dove non solo non vige l’obbligo di indossare le mascherine ma che vederle in esterno sia un fatto piuttosto insolito.
La realtà è che una produzione eccessiva ora spinge al suo consumo. Purtroppo con alcune gravi conseguenze: la prima è di tipo sociale. In una società in cui le persone vivono in costante pericolo gli uni verso gli altri, è una società che non consente nessun vivere civile. E’ respingente per i turisti e alla lunga per le sue migliori intelligenze che hanno bisogno di una società più sana per prosperare. In secondo luogo l’eccessiva produzione di dispositivi più “igienici”, come mascherine, guanti, materiali usa e getta, produrranno una quantità di inquinanti tale da generare rischi ambientali, potenzialmente devastanti soprattutto per un Paese come il nostro. 

Un sistema basato sulla cultura delle diffidenza

Ma quello delle mascherine o del lockdown invocato da tutti non è colpa del Covid: è segno di un tipo di cultura più profonda e radicata che si è radicata nel nostro paese. La cultura della diffidenza. 
L’allarme vero non è nel virus o nei dispositivi di protezione. L’allarme è che stiamo costruendo una società dove non è in discussione il vivere, ma il vivere con gli altri.

Il modo di combattere il virus ha portato infatti alla luce un sistema anti-umano che già prosperava. Un sistema per cui il cittadino è un potenziale pericolo, un soggetto inferiore, colpevole e incapace. Da questo presupposto deriva tutto il nostro sistema burocratico, costituito da una quantità record di leggi, regolamenti e procedure, di controlli e autorizzazioni preventive, dell’obbligo di intermediari parastatali. Tutto il nostro sistema si fonda sul principio che l’altro è il tuo nemico. Il problema è che anche ognuno di noi è l’altro e quindi tutti noi siamo considerati un nemico dagli altri.
 
Questo non determina solo una società culturalmente malata che si dimostra tale nel modo di affrontare il virus trattando tutti da untori invece che isolare chi è contagioso. Ma ha anche gravi effetti economici: l’economia prospera in diretta correlazione con il grado di fiducia. Se non c’è fiducia tra le persone, l’economia va in crisi perché il sistema di controlli e di burocrazia rende tutto inefficiente. Le mascherine di cui ho scritto in precedenza sono un simbolo perfetto: persone a cui per il 99,9% non servono, sono costrette a comprare qualcosa che peggiora la qualità della loro vita, in nome di un potenziale pericolo rappresentato dagli altri. Ognuno paga per peggiorare la sua vita, altra conseguenza di questo sistema malato.
 
La vera guerra di cui tanti hanno parlato a proposito del virus, è ora una sfida di civiltà. Tra chi vuole cedere a una società fatta di tutti contro tutti, basata sulla diffidenza verso l’altro dove questo altro è anche la persona a noi più vicina, e chi invece non si rassegna a questo: vuole invece rilanciare il principio di fiducia e di socialità come elemento fondamentale del vivere. Non per ideologia o per ambizioni egoiche, ma unicamente perché si tratta di affermare un bisogno essenziale della natura umana.

 

ANDREA ZOPPOLATO

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

1 COMMENTO

  1. Sono d’accordo. A tal proposito trovo sconcertante il testo base che il comune ha proposto ai cittadini con la possibilità di esprimere un parere entro il 31 maggio scorso. (il mio parere è stato molto negativo). La filosofia portante del progetto generale della nuova Milano post Covid è: post Covid MAI. Tutto sarà impostato sul distanziamento sociale perenne, la lotta senza quartiere all’auto privata e l’incentivo alla mobilità “cinese” e il Coronavirus eterno, magari anche peggiorato. Si può progettare un futuro siffatto? NO.
    (Ho fatto presente che persino la Spagnola ha fatto il giro del mondo in tre anni-ma erano altri tempi- poi è sparita).

Comments are closed.