Il giardino dei MORTI VIVENTI

La ragazza di fango e la testa del gigante cambiano aspetto a ogni stagione

Credits: @yatesrachel Giardini perduti di Heligan

Esiste un posto in cui creature fantastiche vivono silenziose in armonia con il paesaggio, non mangiano, non respirano e tolgono il fiato anche a chi le guarda. Sono i giardini che trasportano il turista all’interno di un mondo magico fatto di piante ed esseri mitici.

Il GIARDINO dei MORTI viventi

# I signori dei giardini

Credits: @inkedulondon
Giardini perduti di Heligan

Per oltre 400 anni il territorio di Heligan, in Cornovaglia, è stato proprietà della famiglia Tremayne, abbandonato fu soggetto ad un periodo di decadenza che culminò con un uragano nel 1990. I giardini stavano per scomparire ma gli eredi Tremayne, con l’aiuto di Pete e Sue Hill, riportarono in vita esseri misteriosi che li aiutano ad attirare turisti a partire dal 1992.


# La flora del parco: palmi, ninfee e piante esotiche

Credits: @tonino9539
Giardini perduti di Heligan

I giardini sono popolati da grandi felci tropicali, palme esotiche e stagni di ninfee, tra cui è possibile percorrere un tunnel di bambù e un ponte tibetano di corda. All’interno del parco sono inoltre coltivate frutta e verdura utilizzate all’interno della cucina del territorio. Il microclima creato dalle piante esotiche rende inoltre possibile una coltivazione di ananas, l’unica presente in Europa. Nel territorio c’è anche The Lost Valley, in cui cresce un tappeto di campanule colorate in primavera, il più grande albero di tasso su suolo inglese e l’unica foresta di conifere Wollemie, albero originario dell’Australia.

# I morti viventi

Credits: @hortus_flora
i giardini perduti di heligan

Chi vive in mezzo a queste specie vegetali? la fauna dei giardini è popolata di uccelli (martin pescatore e colibrì) e altre specie di mammiferi come le lontre, ma tra di loro sono presenti esseri mitici che vestono di erbe e lasciano passare gli avventurieri indisturbati. I personaggi più affascinanti sono la ragazza di fango e la testa del gigante.

La ragazza di fango è l’opera di Pete e Sue Hill, statua di una fanciulla addormentata che cambia aspetto in base al ciclo delle stagioni, motivo che per cui è considerata una statua vivente, ha un ciclo di vita proprio! A rendere possibile questo cambiamento è la sua “struttura ossea” costituita di legno, fango e cemento.



Opera degli stessi autori è la testa del gigante, immersa tra muschi e licheni, figura semi-sepolta, spia i visitatori con i suoi grandi occhi, cambiando aspetto a seconda della luce che la avvolge nei diversi momenti della giornata.

Esseri viventi e non portano a questo luogo una magia che ricorda i racconti per i bambini, con foreste abitate da fate, ninfe e folletti. I Giardini perduti di Heligan sono la casa delle statue che cambiano abito e osservano ciò che li circonda.

Continua la lettura con: Il GIARDINO dei VELENI: potrebbe essere l’ultimo luogo che vedrete nel mondo

SARAH IORI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Il gran ballo di Cdp tra Cina e Stati Uniti: perché lascia il top manager di Pechino

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here