Da che cosa dovremmo LIBERARE MILANO

Foto: Andrea Cherchi (c)
Foto: Andrea Cherchi (c)

La sera del 23 aprile abbiamo pubblicato questo post sulla Fan Page di Milano Città Stato:

Da che cosa dovremmo LIBERARE MILANO: le proposte più votate sulla fan page di Milano Città Stato

Al momento in cui scriviamo sono state inserite 508 risposte che ci consentono alcune riflessioni.

#1 Milano è divisa in una bagarre ideologica

Ai primi tre posti di quello che si vuole eliminare risultano gli avversari politici:
1. Leghisti (o fascio leghisti) da mandare via in 67 commenti che hanno preso un totale di 285 like
2. Piddini (o nelle varianti comunisti o zecche) in 62 commenti con un totale di 243 like
3. Grillini in 4 commenti per un totale di 202 like

Pannella si starà rivoltando nella tomba. Leggendo i commenti si vede quanto sia forte la tensione ideologica e partitica tra i milanesi. Si parla di politica con la sobrietà di un capo ultras, inserendo insulti o frasi apodittiche senza alcuna argomentazione. Per noi che siamo alfieri di una comunità unita al di là delle fazioni e della diversità di pensiero questa evidenza ci crea sconforto.

#2 Sic transit gloria Sala?

“Milano si deve liberare del suo sindaco”: questo viene scritto in 43 commenti che hanno raccolto 164 like.
Altro personaggio da bannare da Milano secondo i commenti è Salvini, ipotesi alimentata da 74 like.

#3 Questioni quotidiane

Tra le cose più concrete che si vogliono togliere da Milano ci sono:
1. Auto (i cui commenti raccolgono 161 like complessivi, anche se ci sono molti oppositori a questa idea)
2. Imbrattamenti dei muri 91 like ai diversi commenti
3. Smog 87 like ai numerosi commenti
Spiccano poi i 58 like a un commento contro chi tiene lo zaino sulle spalle sui mezzi pubblici.
Molti infine i commenti e relativi like per levare da Milano finti rifugiati/immigrati illegali (152 like complessivi) e zingari (93 like complessivi).

La stessa domanda su da cosa dovremmo liberare Milano ce la siamo posta anche noi della redazione. Ecco i nostri desideri.

Da che cosa dovremmo LIBERARE MILANO: le scelte della redazione di milanocittastato.it

Il traffico

“La milanese che amo ha indicato il traffico come elemento di cui Milano dovrebbe liberarsi, indicandolo, già dal tono, come flagello demoniaco :)” (Antonio)

Il gap bassi stipendi-caro affitti

“Suggerisco di liberare Milano dalla voragine che separa ormai tanti stipendi dal costo della vita, in particolare dai prezzi gonfiati degli affitti e delle case in vendita. E dagli esercizi commerciali poco chiari che invadono la città fungendo da “lavanderie“ (Roberta)

L’asfalto colante

“Dal pessimo asfalto dei marciapiedi che d’estate si incolla alle suole e si riempe di buchi causati dai cavalletti degli scooter. E poi dalle bancarelle stile suk, dai sopralzi indegni dei palazzi storici” (Fabio)

I venditori ambulanti invadenti

Dagli assalti dei venditori di rose mentre stai tranquillamente sorseggiando un aperitivo” (Stefania)

Degrado e microcriminalità

“Milano va assolutamente liberata dal boschetto della droga, dal degrado di alcune periferie e dalla microcriminalità” (Luca e Marco)

Burocrazia

“Milano va liberata da burocrazia e norme inutili in tre settori: edilizia, occupazione suolo pubblico, apertura esercizi commerciali/hotel. Ah. E ovviamente la gestione degli eventi” (Giacomo)

Gli insozzatori del nido

“Manderei via da Milano quelli che i tedeschi chiamano Nestbeschmutzer, letteralmente gli ‘insozzatori del nido’. Chi critica senza fare niente per migliorare le cose, chi ha perso autonomia di pensiero e nasconde la sua assenza facendo con aggressività il servo di partito, chi non ha cura per la città, chi insulta e denigra gli altri, chi esercita il suo potere in modo mafioso, chi mette veleno nel cibo, chi insozza Milano con le sue parole e con le sue azioni” (Andrea)

MILANO CITTA’ STATO

#VotoMilano