A ROMA c’è una PICCOLA LONDRA

La Piccola Londra romana somiglia a Notting Hill in tutto e per tutto. Ma dove si trova e perché esiste?

credit: Google Maps -Stella The Lounge

Non tutti sanno che nel cuore di Roma c’è una zona, denominata “Piccola Londra”, che trasporta i passanti in Inghilterra. Ma dove si trova e perché esiste?

A ROMA c’è una PICCOLA LONDRA

Romani DOC a parte, pochi sanno che esiste una zona della Città Eterna che trasporta i passanti in Inghilterra, più precisamente a Londra. La Piccola Londra romana somiglia a Notting Hill in tutto e per tutto: dalle facciate e i colori degli edifici, sino ai giardini e ai lampioni vittoriani. Ma scopriamo dove si trova e perché è stata progettata in perfetto stile british.


# Lontano dal centro storico romano, nel quartiere Flaminio, c’è una piccola Londra

credit: vistanet.it

Per scoprire questo atipico angolo di Roma, bisogna addentrarsi nel quartiere Flaminio, in via Bernardo Celentano. Qui troverete un vialetto pedonale, pavimentato con i tipici sanpietrini, che però tutto sembra fuorché un quartiere romano. Gli edifici su entrambi i lati della via sono delle villette su due piani di svariati colori pastello, caratterizzate da uno spazio privato tra le porte d’ingresso e i cancelletti in ferro che dividono le case dal marciapiede. Già queste caratteristiche estetiche basterebbero per ricordare le vie londinesi, eppure non è tutto: anche i portoni sono in legno e le scale d’ingresso in pietra.

# Il frutto di un ambizioso, ma mancato, progetto urbanistico

credit: Google Maps -Stella The Lounge

Questa ricostruzione in miniatura della capitale inglese potrebbe sembrare casuale, ma non lo è. La via è infatti il frutto di un attento e ambizioso progetto urbanistico che risale al primo decennio del 900, quando fu eletto sindaco l’anglo-italiano Ernesto Nathan.

Era il 1909 e Roma presentava già le problematiche di una grande città: era caotica e molto trafficata. Il nuovo sindaco si ispirò alle sue origini britanniche per far approvare un piano regolatore che impediva alle costruzioni di superare i 24 metri d’altezza, con villette che non potevano superare il secondo piano (tutte con cancelletto in ferro). Il suo progetto però non venne mai applicato in tutta la capitale e questo angolo nascosto testimonia questo mancato tentativo di rivoluzione urbana: la Little London di Roma.



# Come scovare le testimonianze del progetto Nathaniano? Perdendosi

credit: vistanet.it

La via e i suoi straordinari edifici, progettati dall’architetto Quadrio Pirani, ospitano attualmente gli alloggi di alti funzionari e burocrati, restando sconosciuti ai molti. Nonostante questa via sia un esempio ineguagliabile del progetto Nathaniano, anche altre vie recondite di Roma presentano alcune caratteristiche britanniche e la regola per scovarle è solo una: perdersi.

 

Fonte: Vistanet

Leggi anche: A Roma tira vento di RIVOLUZIONE TIBURTINA

ROSITA GIULIANO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.