La nuotata nel CANYON di ACQUA FRESCA a due ore da Milano

Fino al 2005 erano sconosciute

Credits: @cristinagabriele92 Gole degli stretti di Giaredo

A poco più di due ore da Milano, c’è un canyon di acqua gelida che in quest’estate così calda vale la pena andarci e trascorrerci una giornata. Ecco dov’è e come si chiama.

La nuotata nel CANYON di ACQUA FRESCA a due ore da Milano

# Acqua fresca e paesaggi selvaggi

@cristinagabriele92
Gole degli stretti di Giaredo

Nella valle della Gordana, a Pontremoli, in Toscana, ci sono delle gole dove potersi rinfrescare in queste giornate di calda. Siamo in provincia di Massa Carrara, in uno dei primi paesi toscani che si incontrano quando si saluta la Liguria. Arrivando da Milano, per raggiungere Pontremoli ci vogliono circa 2 ore e mezza di auto, qui si può lasciare la macchina in un parcheggio libero per poi camminare una quindicina di minuti e giungere al canyon toscano. Ecco arrivati alle Gole degli stretti di Giaredo. Le gole, dall’acqua fresca e paesaggi selvaggi, sono l’ideale per chi ha voglia di fare una gita fuori porta e rinfrescarsi senza dover andare nelle belle, ma affollate, spiagge liguri al mare.


# La passeggiata per risalire le 5 gole

@elle.black17
Stretti di Giaredo

Arrivati alle Gole degli stretti di Giaredo ci si trova davanti una serie di canyon scavati dalle acque del torrente Gordana. Gli stretti si estendono per circa un chilometro e l’area è delimitata proprio da queste pareti rocciose verticali alte più di 20 metri. L’acqua è fresca e dalle mille sfumature, si alternano infatti i colori del verde, del blu e dell’azzurro, con qualche tratto trasparente.

Gli stretti sono la parte finale della gola rocciosa del Gordana che parte da Noce di Zeri, altro paesino in provincia di Massa-Carrara, e termina a Giaredo. Qui agli stretti è possibile anche fare una passeggiata in mezzo all’acqua: si può infatti risalire il torrente fino alla diga e attraversando le 5 gole, di cui la più bella è la centrale, si incontra una vegetazione fitta e qualche animaletto tipico della zona come la rana italica.

# Fino al 2005 erano sconosciute

Credits: @cinghiali_da_trekking
Stretti di Giaredo

Il torrente delle gole ha modellato i canyon degli Stretti di Giaredo rendendoli quelli che sono ora: alte pareti rocciose a strisce orizzontali rosse, verdi, azzurre e grigi. Queste gole fino al 2005 erano pressoché sconosciute ma negli anni sono sempre più visitate. Le due settimane centrali di ferragosto sono le preferite per andare alle Gole, quindi spesso in questo periodo si trovano affollate, ma in ogni modo gli Stretti di Giaredo rimangono una gita fuori porta da fare in un caldo weekend d’estate in città.



Fonti:instagram.com

Continua la lettura con: Il GRAND CANYON ITALIANO, una delle meraviglie più spettacolari d’Europa

BEATRICE BARAZZTTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/