L’arcipelago della Maddalena è il paradiso marino

Cosa vedere in vacanza all’Arcipelago di La Maddalena, un paradiso terrestre al largo della Gallura

0
Ph. @claudio.ipal IG

Tra le mete d’estate preferite dei milanesi c’è da decenni la Sardegna, rinomata per le sue spiagge e il mare cristallino. La regione presenta innumerevoli bellezze, tra cui l’Arcipelago di La Maddalena, dove il paradiso è di casa. 

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

L’arcipelago della Maddalena è il paradiso marino

# Isola di Spargi, per osservare il relitto

Credits spiagge.da.sogno IG – Cala Corsara, Isola di Spargi

L’Isola di Spargi si trova all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena. È un’isola di tipo granitico con una superficie di 4,20 km quadrati a nord-est della Sardegna. Tra i punti di maggior interesse c’è Cala Corsara, un piccolo angolo di paradiso dove è possibile ammirare un relitto navale di epoca romana risalente circa al 120 a.C.. Il contenuto del relitto, principalmente vasi e anfore, è esposto al Museo navale “Nino Lamboglia” di La Maddalena.

# Isola di Caprera, non solo mare, anche trekking

Credits Trovaspiagge IG – Cala Coticchio, Isola di Caprera

L’Isola di Caprera non è famosa soltanto perché è circondata da un mare limpido, ma anche perché offre numerosi percorsi adatti per fare trekking. Questi, in totale, sono 16,e portano nomi come Conigliera, Poggio Rasu, Cala Portese, Cala Coticcio e Cala Brigantina. Per affrontare questi ultimi due percorsi, dato che sono particolarmente complicati in certi punti, è necessario essere accompagnati. A Caprera, inoltre, si trovano la Spiaggia dei due mari e Cala Cortese, due spiagge molto particolari: la loro caratteristica principale è quella di essere collegate da una lingua di terra molto stretta e circondata dal mare.

# Spiaggia Testa di Polpo, per chi preferisce il relax all’avventura

Spiaggia Testa di Polpo, Arcipelago di La Maddalena
Credits theitalybest IG – Spiaggia Testa di Polpo, la Maddalena

La Spiaggia Testa di Polpo prende il suo nome dalla roccia che la domina, poiché ha effettivamente la forma di una testa di polpo. Per raggiungerla è sufficiente prendere l’automobile da La Maddalena e dirigersi verso la località Isoleddu. Questa spiaggia può essere particolarmente attraente per coloro che all’avventura preferiscono la comodità e il relax, visto che nei pressi della spiaggia ci sono molti parcheggi e infrastrutture che offrono servizi utili.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

Leggi anche: Le 10 più BELLE SPIAGGE d’ITALIA (National Geographic)

# Spiaggia rosa, per godere di uno spettacolo “da film”

Spiaggia rosa - Arcipelago di La Maddalena
Credits Donnavventurralive IG – Spiaggia rosa

La Spiaggia rosa, data la sua bellezza, è uno dei simboli più importanti dell’Arcipelago della Maddalena. Si trova sull’Isola di Budelli, vicino alle Bocche di Bonifacio. La spiaggia deve il suo nome al colore della sabbia, possibile grazie alla miscela naturale di gusci, conchiglie, frammenti di corallo e granito. Oggi, purtroppo, questa non può essere visitata liberamente, è infatti possibile avvicinarsi e osservarla solamente se accompagnati da una guida del Parco Nazionale. A contribuire alla fama del luogo non è soltanto la sua bellezza folgorante, ma anche il fatto che Michelangelo Antonioni ci abbia girato alcune scene di Deserto Rosso, film uscito nel 1964.

# Il centro storico di La Maddalena

Centro di La Maddalena - Arcipelago di La Maddalena
Credits Setteottopesca IG – Centro di La Maddalena

La Maddalena non è soltanto mare cristallino, trekking e relax, ma è anche storia e cultura. Per apprezzare questi due aspetti è possibile visitare il centro storico di La Maddalena, che ha inizio dal porto di Cala Gavetta e si articola in piccole vie dove si possono osservare bellissimi palazzi settecenteschi. Tra i luoghi da visitare c’è senza dubbio la chiesa di Santa Maria Maddalena, Via Garibaldi, una delle vie più importanti della città e la Colonna Garibaldi, un obelisco di granito donato dalla Cava Francese nel 1907 per commemorare il centenario della nascita del Generale.

# I musei di Caprera, la casa di Garibaldi e il Museo del mare

Ingresso del memoriale di Garibaldi in Sardegna
Credits isplora IG – Ingresso del memoriale di Garibaldi in Sardegna

A Caprera sono presenti due musei molto importanti: il Compendio Garibaldino e il Museo del mare e delle tradizioni marinaresche. All’interno del primo si trovano la casa dove Giuseppe Garibaldi ha vissuto fino alla morte e la sua tomba. Qui non soltanto è possibile approfondire la sua storia, ma si può anche godere di una meravigliosa vista sulla Corsica. Il Museo del mare si concentra invece sulla storia dell’Arcipelago e delle persone che ci hanno vissuto; ripercorre infatti la storia del posto dal neolitico fino a oggi.

# Il faro di Razzoli

Credits Almagestum_group IG – Faro di Razzoli

Razzoli è una piccola isola che fa parte dell’Arcipelago di la Maddalena. Sulla sua superficie è possibile trovare un monumento molto importante: un faro, costruito nel 1845 e poi restaurato. Questo non serve solamente a illuminare, è infatti anche una meta turistica che attira molti visitatori. Nelle sue vicinanze si trova anche una tomba su cui circolano numerose leggende: le più popolari dicono che ospiti la figlia di un ex fanalista deceduta a causa di un parto, altre dicono che invece vi riposino due marinai francesi naufragati nel 1855. Per visitare l’isola è possibile lasciare la propria imbarcazione ancorata al fiordo di Cala Lunga.

Continua a leggere con: La SPIAGGIA DEI MILANESI? Si trova in Sardegna

NICCOLÒ ELLENA

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


Articolo precedenteIl vizietto dei consiglieri lombardi: riprovarci con il vitalizio
Articolo successivoLe vere origini del Marocchino
Niccolò Ellena
Fiorentino di nascita, milanese di adozione. Ho una laurea magistrale in lingue e relazioni internazionali e sono un aspirante giornalista. Amo Milano, perciò voglio provare a raccontarla a 360 gradi e senza filtri. Nel tempo libero mi piace leggere e viaggiare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome