Appennino Bike Tour: il GIRO d’ITALIA che non ti aspetti

Un giro in bicicletta di 2.600 km per scoprire le bellezze dell'Italia

credits: @lovelyitaly95

Con questo nome si racchiudono una serie di itinerari, tutti collegati tra loro, che consentono a chiunque abbia voglia di pedalare, sia con bici tradizionale che a pedalata assistita, di girare l’Italia.

Appennino Bike Tour: il GIRO d’ITALIA che non ti aspetti

# Perchè percorrere questo itinerario?

Credits: appenninobiketour.com

Toccando i più bei borghi del Paese, intersecando altre vie turistiche (vedi la via Vandelli), il Tour mette alla prova anche il più instancabile dei pedalatori.


300 comuni tappa, 26 tra parchi e aree protette, ci si immerge nella natura dello stivale con vie ciclabili durante le quali è possibile rifocillarsi, dormire e possibilità di ricaricare le e-bike con apposite colonnine. Il biking, non più una moda ma una solida realtà che ha contagiato milioni di appassionati. Un modo ecologico e salutare di conoscere le bellezze dell’Italia stando in sella al proprio mezzo.
 
Non ci si aspetti, ovviamente, solamente strade in pianura ma si dovranno affrontare pendii e salite tipiche del tratto appenninico. Ogni fatica sarà, comunque, ripagata da spettacolari panorami e la possibilità di fare conoscenza di altri appassionati che condividono la passione per questa disciplina.

# Un sogno che si realizza

credits: appenninobiketour.com

Grande soddisfazione di Gianluca Galletti che, come Ministro dell’Ambiente, fu grande promotore di questa iniziativa. Un turismo slow e green che promette grande sviluppo e che consente a molti borghi di promuovere le proprie strutture ricettive, specie per gli stranieri che desiderano visitare il nostro Paese senza stress ma con tutta la calma necessaria per assaporare ogni particolare che solo l’Italia sa offrire.

# Work in progress

credits: ansa.it
È in fase di allestimento una cartellonista che consenta di seguire l’itinerario senza perdersi mentre c’è grande fermento per i vari produttori locali che, forti del passaggio di turisti, potranno promuovere le proprie eccellenze rendendo il tour una esperienza che vada oltre il pedalare il luoghi meravigliosi.

 

Continua a leggere con: Via degli Dei? No, via delle DEE. Arriva il TREKKING per sole donne

ROBERTO BINAGHI



Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteAbitanti a Milano nel 2021: quanti sono?
Articolo successivoScoperto un raro CIPPO pomeriale risalente all’epoca dell’imperatore Claudio
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.