Le 7 FRASI per INSULTARE i MILANESI con STILE

Anche quando il milanese insulta qualcuno, lo fa con stile. Ecco le 7 frasi più divertenti e utilizzate.

Credi: rinopolloni.wordpress.com

Anche quando il milanese insulta qualcuno, lo fa con stile. Ecco le 7 frasi più divertenti e utilizzate.

Le 7 FRASI per INSULTARE i MILANESI con STILE

#1 Va a fas dì in gesa

Credit: it.aleteia.org

Letteralmente “Vai in chiesa a farti benedire”, viene utilizzato per qualcuno che si deve togliere di torno. Ma detto in modo carino.


#2 Va scuà l mar cun la furchèta

Credi: rinopolloni.wordpress.com

Quando qualcuno è inutile in italiano si può consigliargli di “andare a pettinare le bambole”, ma in milanese no. La versione meneghina per dire a qualcuno di perdere tempo altrove è “Vai a scopare il mare con la forchetta”.

#3 L’ha becaa l’oca!

Credit: imieianimali.it

“L’ha beccato l’oca!”. Questa frase non si usa per spiegare come qualcuno si è fatto male, ma quando ci si riferisce ad una persona considerata pazza, fuori di testa.

#4 Và a ‘drisàa i banan

Credit: tuttogreen.it

Un altro modo per insultare qualcuno in milanese, pur non essendo volgari, è “Vai a raddrizzare le banane”. Che si utilizza come la versione italiana “vai a quel paese”.



#5 Và a mung al tor cunt la sidela russa

Credit: europa today

Questa non ha bisogno di un’attenta analisi per essere capita, “vai a mungere il toro con la secchia rossa” è un gentile invito a fare qualcosa di pericoloso. Un po’ come quando si consiglia a qualcuno di “giocare a moscacieca in autostrada”.

#6 Uregia panada

Si utilizza questa frase per dare a qualcuno dello stupido, ma indirettamente. L’orecchia impanata infatti allude all’orecchia di elefante, senza insultare direttamente il malcapitato.

#7 Và a Bagg a sonà l’orghen

vai a baggio a suonare
Credits: Organo chiesa vecchia di Baggio | screanzatopo (YouTube)

Questo può essere capito solo se contestualizzato. “Vai a Baggio a suonare l’organo” fa riferimento alla chiesa Sant’Apollinare di Baggio che l’organo ce l’ha solo disegnato… e quindi difficilmente potrà essere suonato. E’ usato per togliersi dai piedi qualcuno di indesiderato, ed è la versione , forse un po’ più gentile, del napoletano “Vattinne”.

Leggi anche: Storia e curiosità sul CAMPARI: l’APERITIVO MILANESE per eccellenza

ROSITA GIULIANO

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.