Sant’EUSTORGIO: la basilica dei re magi che cura il mal di testa

santeustorgio
santeustorgio

Secondo una tradizione popolare, poggiare la testa sull’arca di San Pietro Martire in Sant’Eustorgio fa passare il mal di testa.
Risale a quando l’Arcivescovo Giovanni Visconti fece separare la testa dal corpo del cadavere di Pietro da Verona, inquisitore domenicano ucciso dagli eretici nel 1252.


La basilica fu fondata nel secolo IV: secondo la leggenda, il carro con cui Sant’Eustorgio portava le reliquie dei magi da Costantinopoli si arrestò presso i Corpi Santi: né i buoi né i cavalli riuscivano più a muoverlo. Così il vescovo abbandonò l’idea di avere i tre santi corpi nella basilica di Santa Tecla, la più importante della città prima della costruzione del Duomo, facendo edificare un nuovo luogo di culto fuori le mura cittadine: la basilica di Sant’Eustorgio, per metterli dentro.
 
Nel 1162, durante il saccheggio di Milano di Federico “Barbarossa”, le reliquie furono trafugate e portate nella Cattedrale di Colonia. Nel 1904 furono in parte restituite e sono attualmente conservate in una teca presso il sarcofago dei Magi, all’interno della basilica.

 

MILANO CITTA’ STATO



Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
Milano città stato: la rivoluzione inevitabile per uno stato allo sbando
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)