Perché i LONGOBARDI hanno messo la CAPITALE a PAVIA e non a Milano

Perché fu fatta una scelta che oggi risulterebbe inspiegabile


Quando Pavia fu resa più importante di Milano. Perché fu fatta questa scelta?

Perché i LONGOBARDI hanno messo la CAPITALE a PAVIA e non a Milano

# La crescita di Pavia come centro militare negli ultimi decenni dell’impero romano

Credits paviafree – Pavia Capitale del Regno Longobardo

Nel primo decennio del V secolo la capitale imperiale del Impero Romano d’Occidente fu trasferita da Milano a Ravenna e, negli stessi anni, gradualmente, crebbe l’importanza del ruolo militare di Pavia. Alcuni decenni prima dell’avvento in Italia dei Longobardi, Pavia infatti era già il centro principale del territorio, qui infatti si radunava l’esercito per le campagne militari stagionali durante l’epilogo imperiale.


# La consacrazione a capitale del Regno Longobardo

Credits castagna-wikipedia – Regno Longobardo nel 652 D.C.

L’invasione dell’Italia da parte dei Longobardi, che mise gradualmente fine al dominio bizantino, trovò resistenza delle forze imperiali solo nella città di Pavia, che fu conquistata nel 572 dopo un lungo assedio. Dopo avere nominato Verona come capitale provvisoria del Regno Longobardo nello stesso anno, Pavia fu eletta come città più importante del regno dal re Clefi, nominato per acclamazione da parte dei trentacinque duchi riuniti in assemblea in città. 

# Perché fu scelta Pavia invece che Milano? Per i fiumi

Pavia rimase come capitale del regno longobardo per due secoli sino all’avvento in Italia degli Ottonidi. Le cause principali sono da ricercare nel contesto politico-istituzionale e militare dell’Italia settentrionale di quel periodo. Oltre a essere a quel punto la città più importante dal punto di vista militare, Pavia era situata in un nodo fluviale strategico dell’impero, tra il Ticino, il Po e altri corsi d’acqua minori e con il suo porto permetteva un comodo accesso all’Adriatico da un lato e al lago Maggiore dall’altro. C’è da dire che anche Milano ebbe un periodo di gloria, tra il 604 e il 625 d.C., quando fu nominata capitale durante la reggenza di Agilulfo e Teodolinda prima di essere trasferita nuovamente e in maniera definitiva a Pavia. 



Continua la lettura con: La leggenda della CHIESA del DIAVOLO dove si sposò Teodolinda

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Inchiesta San Siro: lo stadio “copiato” a Bordeaux e il maxi affare sull’ex Trotto

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.