Milano fu la prima in Italia e la quarta città in Europa ad avere un SEMAFORO

Uno dei simboli dello stress urbano. Il semaforo. La sua storia è molto curiosa. Soprattutto per i suoi inizi. 


Uno dei simboli dello stress urbano. Il semaforo. La sua storia è molto curiosa. Soprattutto per i suoi inizi. 

Milano fu la prima in Italia e la quarta città in Europa ad avere un SEMAFORO

# Il Primo della storia: solo rosso e verde

Il primo semaforo fu installato a Cleveland il 5 agosto del 1914 e disponeva solo di due luci: il rosso e il verde.


Il giallo apparve solo 6 anni dopo, a New York.

# L’arrivo in Europa: il primo a Milano fu in via Torino

In Europa il semaforo arrivò nel 1922 a Parigi, seguita poi da Amburgo, Berlino e Milano che ne installò uno all’incrocio tra via Orefici e via Torino, diventando la quarta città in Europa e la prima in Italia ad averne uno, precedendo Roma e Torino.

L’introduzione comportò una serie di disagi e di proteste.



Il più antico semaforo ancora in funzione si trova invece alle colonne di San Lorenzo.

Continua la lettura con: Le regole più strane in vigore a Milano

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.