La storia proibita del Vicolo CALUSCA, meglio noto come “la STRETTA dei NANI”

Una storia incredibile tra leggende e misteri che pochi milanesi conoscono

Vicolo Calusca

Bordelli, nani di corte, delinquenti, truffatori: è stata questa per secoli la fotografia della vita nel vicolo Calusca. Una storia incredibile tra leggende e misteri che pochi milanesi ricorderanno.

La storia proibita del Vicolo CALUSCA, meglio noto come “la STRETTA dei NANI”

# Il Vicolo Calusca: perchè era chiamato “la stretta dei Nani”?

Assieme alla vicina piazza Vetra, e vie limitrofe, costituiva il quartiere più popolare e misero della città, dove bordelli, osterie, bettole di infimo livello e pensioni luride erano tipiche del quartiere. Il nome Calusca si deve probabilmente al proprietario di un negozio di seta tra il corso e il vicolo, un bergamasco di nome Giovanni Pietro di Calusco, quasi certamente di Calusco d’Adda.


Ma c’è un altro nome, quello con cui era forse più conosciuto: la stretta dei Nani. Questo è da imputare a una antica leggenda, riguardo degli eventi capitati durante il ducato di Massimiliano Sforza, tra il 1512 e il 1515, quando nel vicolo furono messi ad abitare i “nani di corte”, membri importanti della compagine che rallegrava le giornate della corte sforzesca.

Secondo la leggenda i nani, grazie all’impunità concessa dagli Sforza, erano soliti uscire dal vicolo col buio, rapire le giovani donne del Ticinese e portarle nelle loro case, dove le violentavano. Terminato il ducato di Massimiliano Sforza, il nome rimase indelebilmente incollato al corto vicolo, la Stretta dei Nani.

# Dai nani a Ligera e bordelli

Dopo secoli ricchi di osterie e bordelli infimi, ubriaconi perditempo, ma anche dei peggiori delinquenti e prostitute, con l’avvento dell’industrializzazione e l’emigrazione di massa, il Ticinese diventa il ricettacolo della “Ligera”, la malavita milanese, dedita a rapine e truffe.


Infatti ancora all’inizio del XX secolo il vicolo ospita noti bordelli e alcune osterie, dove risse e accoltellamenti sono all’ordine del giorno. Poi dagli anni ’80 con la costruzione di un edificio popolare che ha reso il vicolo a fondo chiuso, e l’arrivo dei locali alla moda, Vicolo Calusca è progressivamente rinato lasciandosi alle spalle il passato torbido.

# Dove si trova il vicolo?

Credits: storiedimilano.blogspot.com – Entrata Vicolo Culasca

L’ingresso del vicolo, sconosciuto anche ai migliori conoscitori di Milano, si trova al civico 106 di corso di Porta Ticinese, ultimo civico prima di piazza XXIV Maggio e la Darsena. Oggi è lungo meno di 100 metri e sbuca nel cortile del civico 8 di piazza XXIV Maggio, dove si trovano un noto albergo e il Consolato Generale del Guatemala.

 


Fonte: Storie di Milano

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

 

  



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here