La storia di San Calimero e del suo POZZO MAGICO


La Basilica di San Calimero si trova nella via omonima, una delle strade più suggestive della zona, nei pressi della fermata Crocetta della M3.


La Chiesa

San Calimero è una tra le più antiche chiese della città, fu ricostruita nel 490 secondo lo stile romanico. Nel seicento il celebre architetto Francesco Richini apportò rilevanti modifiche corrette nell’ottocento da Angelo Colla che la riportò al suo originario stile romanico.

Le due parti più singolari della Chiesa sono la facciata in cotto, come da tradizione del Medioevo lombardo, e il campanile in diagonale rispetto all’edificio.
Ma l’elemento più celebre della chiesa è al suo interno.

Il pozzo magico

All’interno della Chiesa si trovano numerosi affreschi e, soprattutto, un pozzo che richiama la storia del Santo che dà il nome alla basilica. San Calimero, quarto vescovo di Milano, venne infatti gettato dai pagani in questo pozzo e lasciato morire. 



Successivamente attorno al pozzo venne eretta la Basilica per accogliere le spoglie del santo. Secondo la tradizione popolare l’acqua del pozzo era considerata magica ed era usanza farla bere ai malati, in particolare il 31 luglio, giorno di festa dedicato al santo.

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.