Il GIARDINO SEGRETO di via Terraggio, il “magnifico” dono di Ludovico il Moro a Lorenzo de’ Medici

Uno degli angoli segreti di Milano nasconde un glorioso passato

Credits: @lorenz1984 Giardino via Terraggio

Se si osserva Milano da una prospettiva esterna, quasi estranea, e si gira per le sue vie solo per visitare i posti più conosciuti, si noterà sì una Milano degna di essere chiamata una delle città più belle d’Italia e d’Europa, ma non si capirà a pieno la città meneghina. Il bello di Milano è proprio quelli di imbattersi qua e là in posti, edifici, piazze di cui non avevi mai sentito parlare, ma allo stesso tempo affascinanti. Angoli nascosti al pubblico, che forse per questo sono ancora più interessanti.

Il GIARDINO SEGRETO di via Terraggio, il “magnifico” dono di Ludovico il Moro a Lorenzo de’ Medici

Ecco in via Terraggio 5, vicino a Porta Magenta, c’è un Giardino Segreto, che ormai, dopo averlo svelato, così segreto non sarà più.


# Il dono di Ludovico il Moro a Lorenzo de’ Medici

Credits: @milanosecrets IG
Giardino via Terraggio 5

Il giardino di via Terraggio ha una storia gloriosa: intorno al 1400 fu donato da Ludovico il Moro a Lorenzo de Medici. Il duca di Milano, infatti, per regalare un soggiorno piacevole ad un personaggio così illustre come Lorenzo de Medici donò al governatore fiorentino il giardino e l’adiacente edificio, tuttora chiamato Casa Medici. Da qui il palazzo assunse diverse funzioni: monastero, cinema (il refettorio del monastero è l’attuale cinema Orchidea chiuso per restauro) e caserma.

Fino a quando, dopo la Seconda Guerra Mondiale, il giardino e il palazzo divennero proprietà del comune, che nel frattempo stava progettando la “racchetta”, una strada che doveva tagliare il centro-città passando da Corso Europa, via Larga, Via Albricci e poi l’area delle Cinque vie.

# La riapertura del giardino

Credits: @megliounpostobello
giardino via terraggio 5

Mentre il progetto urbano della racchetta veniva lasciato in disparte, il giardino e il palazzo rimasero ancora di proprietà comunale e così il giardino chiuso per molti anni. Nel 2000 però gli abitanti del quartiere si batterono per aprirlo al pubblico, il giardino sarebbe stato infatti un ottimo posto per rilassarsi. La battaglia degli abitanti fu vinta e il giardino riaperto.



Ma, si è capito bene dov’è il giardino? Se la via e il numero civico non bastano, precisiamo che è dietro un portantino di un vecchio stabile.

# Al mattino e la sera è un’oasi di pace

Credits: @marcobrandonews IG
Giardino via terraggio 5

Negli anni il Giardino Segreto di via Terraggio 5 non è più così tanto segreto, tanto che nel pomeriggio è spesso pieno di bambini. La mattina e la sera è invece uno dei posti più tranquilli che si possono trovare, perfetto per rilassarsi e leggere un bel libro.

Come per ogni cosa però c’è un piccolo problema. Gli abitanti del palazzo adiacente non sono molto felici che il giardino sia pubblico, anche se il Comune ha già provveduto ad aggiungere un secondo portone di sicurezza che impedisce alla gente di accedere alle scale della casa. Bisognerà quindi cercare di creare un altro ingresso.

 

Fonti: blog.urbanfile.org

Continua la lettura con: Il BAR più SEGRETO di MILANO

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.