FORNACE CURTI, dal 1400 l’ultima ancora attiva a Milano

Dove furono realizzate le formelle per la Certosa di Pavia e l'Ospedale Maggiore

Atelier

Al numero 8 di via Walter Tobagi si trova la Fornace Curti: “Artigiani del cotto dal 1400 in Milano”. L’unica e ultima fornace ancora attiva a Milano per la lavorazione dell’argilla, ma anche un luogo in cui rifugiarsi per rilassarsi, non lontano dal Naviglio Grande.


Un piccolo borgo

La fornace infatti è un piccolo borgo, composto da un insieme di edifici costruiti in epoche diverse, ma in armonia tra loro: le strutture più moderne hanno inglobato le più antiche rispettando tuttavia le caratteristiche iniziali.

Il fascino del borgo è subito palpabile dal visitatore, che è accolto da piante di ogni tipo e da pezzi unici, gli antichi arnesi del mestiere contadino lombardo, oltre al tornio e la sala macchine dell’argilla. Poi i laboratori: per la stampatura dei vasi, per l’essiccatura degli smalti e le decorazioni. E i forni, numerosi depositi per i vasi, lo spazio per la vendita dei prodotti – esclusivamente quelli utilizzati anche nella fornace – i cortili.

Gli Sforza furono i primi clienti

 
Fornace Curti
Fornace Curti

Furono gli Sforza i primi fruitori della fornace, che nel XV secolo iniziò la produzione di formelle per la Certosa di Pavia e l’Ospedale Maggiore.



Nonostante i vari cambi di sede nel corso dei secoli, la Fornace Curti è da sempre il punto di riferimento per quelle decorazioni in cotto, dettagliate e finissime, che caratterizzano la produzione decorativa lombarda.

Dalla Certosa di Pavia a Santa Maria delle Grazie

La Fornace è il luogo dal quale escono le decorazioni non solo della Ca’ Granda, ma anche dell’Abbazia di Morimondo, della Certosa di Pavia, dell’Arcivescovado di Milano, di Santa Maria delle Grazie, dell’Abbazia di Chiaravalle, del Duomo di Monza, del Teatro Fossati e di tutti quegli edifici “ricchi e rossi” sparsi per tutta la città di Milano.

Credits: parcoagricolosudmilano.it

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore