El PRET DE RATANA’: il prete stregone che curava i malati di Milano

Anche Milano aveva il suo prete guaritore. Era Don Giuseppe Gervasini che nella Milano della prima metà del novecento divenne noto come “el Pret de Ratanà“.

Era nato a Sant’Ambrogio Olona il primo marzo 1867 e sviluppò la capacità di riconoscere le malattie e di guarirle durante il servizio di leva prestato a Caserta come addetto alla sanità, tra il 1887 e il 1888.

Questa sua dote fu malvista dalle gerarchie ecclesiastiche del tempo che lo giudicarono un “prete scomodo” e lo trasferirono in parrocchie periferiche, da Pogliano Milanese a Cabiate, da San Vittore a Peregallo di Lesmo fino a Retenate, località del Comune di Rodano, che gli diede il soprannome con cui fu chiamato.

Le sue qualità di guaritore erano esercitate attraverso modalità paranormali unite alla sua capacità di usare erbe e medicamenti naturali e, pare, fossero capaci di debellare qualunque malattia. Con il numero di malati che lo ricercavano crebbe anche il numero dei suoi nemici, non solo all’interno della chiesa, come il conte Alessandro Greppi, nei cui possedimenti si trovava la parrocchia di don Giuseppe, che nel 1901 chiese e ottenne dall’allora Arcivescovo di Milano, cardinal Ferrari, la sua sospensione a divinis (sospensione che fu in seguito revocata).

Nel 1926 Don Gervasini ricevette in dono, da un uomo che aveva guarito, una piccola casa in via Fratelli Zoia, in prossimità della Cascina Linterno, situata oggi nella zona di San Siro, ai confini del parco delle Cave. In quella casa si trasferì e continuò a operare, consacrando anche la prima pietra della nuova chiesa di Sant’Elena nel 1938, fino alla morte nel 1941. Negli ultimi anni della sua vita trovò conforto anche nell’Arcivescovo Ildefonso Schuster, che lo ammirava.

Ai suoi funerali partecipò una folla immensa, e molti suoi beneficati aprirono una sottoscrizione affinché gli venisse data sepoltura nel Cimitero Monumentale di Milano.
Dopo pochi anni dalla sepoltura la sua tomba è stata spostata in un’area con uno spiazzo più vasto del cimitero stesso, per il gran flusso quotidiano di pellegrini che accorrono ancora oggi a pregare sulla sua tomba.

tomba di Gervasini al Cimitero Monumentale
tomba di Gervasini al Cimitero Monumentale

La Chiesa non ha mai proceduto al processo di beatificazione, non ritenendo valide le prove della sua attività miracolosa. 

La storia del Pret de Ratanà è raccontata in un film del 1973, dal titolo “Stregone di Città“.

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA, COLLABORARE ALL’ESTENSIONE INTERNAZIONALE DEL PROGETTO EDITORIALE
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

#VotoMilano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here