9 gradi ad agosto, 24 a febbraio: 10 record del clima di Milano


Piccola premessa: esiste un archivio storico del clima meneghino a partire dal 1763, anno in cui la storica stazione meteorologica di Brera ha iniziato ad essere attiva, una delle prime in Italia e oggi autentico patrimonio per chi studia la meteorologia in quanto possiede una delle più lunghe serie storiche termo-pluviometriche italiane.
E’ di questi dati che ci siamo serviti per stilare questa piccola lista. Solo dopo averli letti, potrete tornare a lamentarvi delle canicole e delle gelate.

10 record del clima di Milano


Giornata più calda di sempre: 11 Agosto 2003, +39,8° C

Giornata più fredda di sempre: 23 Febbraio 1855, -17,3° C

Giornata più nebbiosa di sempre: 24 Novembre 1992, visibilità sempre sotto i 100 metri



Giornata più piovosa di sempre: 23 Settembre 1993, caddero 123mm di pioggia

Giornata invernale più calda di sempre: 15 Febbraio 1990, +24,8°

Giornata estiva più fredda di sempre: 20 Agosto 1863, +9,0°

L’anno più temporalesco: 1998, 33 giorni di temporali

L’anno più assolato: sempre il 1998, 174 giorni di sole

La giornata più ventosa di sempre: 29 Luglio 2013, vento a più di 180 km/h

La più grande nevicata di sempre: ovviamente lei, La Nevicata del Secolo, 90 cm di neve in 72 ore, dal 13 al 17 gennaio 1985.

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.