Una serata del cactus: aperitivo messicano

Questo giovedì, ti propongo una calda e allegra serata di abbuffate piccanti durante l'aperitivo messicano della Salumeria del Design.

Non so a te, ma a me qualsiasi cosa abbia del messicano mi mette allegria.

L’abbigliamento messicano è coloratissimo e svolazzante, soprattutto quello indossato in particolari ricorrenze.


Il calendario messicano è ricco di ricorrenze e festività interessanti, come il famosissimo Cinco de Mayo, la festa dei morti.

Il repertorio musicale messicano è melodioso ed energico, in grado di trasmettere euforia e serenità a chiunque lo ascolti… per esempio:

“Voz de la guitarra mía
Al despertar la mañana
Quiere cantar su alegría a mi tierra mexicana
Yo le canto a sus volcanes
A sus praderas y flores
Que son como talismanes del amor de mis amores
México lindo y querido
Si muero lejos de ti
Que digan que estoy dormido
Y que me traigan aquí
Que digan que estoy dormido
Y que me traigan aquí
México lindo y querido, si muero lejos de ti”


Questo brano messicano non ti trasmette dolcezza, ma allo stesso tempo tanta, calda allegria?

E quando si parla di questo paese, come non citare il tanto amato cibo messicano, piccante, speziato e saporito?

Se anche tu sei un amante di questa cultura gastronomica, sappi che questo giovedì, dalle 18.30, potrai provare le prelibatezze tipiche di questa calda terra centro-americana durante “Una serata del cactus – aperitivo messicano” della Salumeria del Design.


Tra manicaretti piccanti, cocktail tipici e selezione musicale by mariachi, ti sembrerà di vivere di persona la magia del Messico.

L’ingresso è libero, quindi non hai scuse: non puoi non esserci.

SCOPRI L’EVENTO

Vuoi saperne di più?

Registrandoti su Spotlime, l’app che seleziona i migliori eventi di Milano, riceverai un promemoria dell’evento e potrai rimanere sempre aggiornato su questo e tutti gli eventi simili in città. Inoltre, prenotandoti dall’app e partecipando agli eventi, riceverai un vantaggio esclusivo.

SCOPRI L’APP



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi