Riapre la TRIENNALE. Le idee di BOERI: venerdì BY NIGHT e SEI MESI in GIARDINO

Il 2 febbraio riapre la Triennale. Boeri è entusiasta: "cerchiamo di stare dentro ai vincoli che ci vengono dati e di usare al meglio lo spazio"


Il 2 febbraio riapre la Triennale. Boeri è entusiasta: “cerchiamo di stare dentro ai vincoli che ci vengono dati e di usare al meglio lo spazio”

Riapre la TRIENNALE. Le idee di BOERI: venerdì BY NIGHT e SEI MESI in GIARDINO

Il primo sito espositivo milanese a riaprire dopo la lunga chiusura è la Triennale, che dal 2 Febbraio tornerà a far sognare i visitatori in piena sicurezza. Quali saranno le novità e il piano anti contagio pianificato dal presidente Boeri? 


# La riapertura è stata inaspettata. Boeri: “per noi è una gran soddisfazione”

credit: milano.repubblica.it

Nonostante i 3 mesi di chiusura, Boeri non si è fatto cogliere impreparato e non appena gli è stato consentito ha rapidamente organizzato un piano per poter riaprire: “a dire la verità pensavamo che saremmo stati chiusi fino a metà marzo” ha confessato in un’intervista all’AGI. Il via libera, inaspettato e repentino, ha sorpreso il presidente della Triennale che però non vede l’ora di riaprire, infatti ha affermato: “Non dico che non ci speravamo più, ma avevo il timore che i tempi fossero ancora più lunghi. Quindi per noi è una gran cosa, una gran soddisfazione.”

# Il piano anti contagio? Ingressi contingentati e prenotazioni online

Il piano che il presidente ha pianificato insieme agli esperti della sicurezza prevede un massimo di 210 visitatori simultanei, con ingressi contingentati e prenotazioni consigliate su Viva Ticket. Non solo gli ingressi saranno contingentati ma anche suddivisi per aree. In Triennale al momento ci sono due mostre: “Una – spiega il presidente Boeri – è quella stupenda di Enzo Mari e l’altra, molto interessante della fotografa Claudia Andujar che ha lavorato in Brasile sulla popolazione degli Anomani nella giungla”. Potranno accedere alla mostra di design di Mari ben 75 persone, 60 alla mostra della fotografa e i restanti 75 visitatori saranno riservati al Museo permanente del Design.

# Sei mesi di giardino tra eventi e sicurezza

Bagni Misteriosi Triennale – Parco Semprione

Non solo mostre però, infatti Boeri ha annunciato che saranno aperti anche il caffè e lo store. Ma la vera attrazione per questa nuova stagione di eventi sarà l’area esterna, perfetta per la primavera-estate: “Stiamo lavorando moltissimo sul giardino della Triennale. L’idea che ho è farlo diventare un luogo dove si può fare, in totale sicurezza, musica, teatro, mostre, dibattiti. E questo già dai primi di maggio, fino a ottobre: sei mesi di giardino. Lì sicuramente faremo una festa” ha spiegato Boeri.



# Una notte al museo: apertura serale il venerdì

Ma se il giardino verrà sfruttato prevalentemente a partire dalla primavera, c’è una novità che probabilmente partirà sin da subito: venerdì sera al museo. Il presidente ha infatti affermato che la chiusura durante il weekend porterà di certo meno visitatori ma che è stata già trovata una soluzione per includere anche chi durante le giornate settimanali lavora: “Stiamo pensando di aprire fino alle 22, faremo una sperimentazione di venerdì per capire come va. Per adesso iniziamo dalle 11 alle 20. Poi vediamo”. Nonostante le restrizioni Boeri resta positivo ed è comunque molto contento di poter riaprire rispettando le regole vigenti, all’AGI ha infatti spiegato che “cerchiamo di stare dentro ai vincoli che ci vengono dati e di usare al meglio lo spazio. Se è possibile restare aperti fino alle 22 cercheremo di farlo […] Noi facciamo del nostro meglio e poi certo quando si riaprirà anche il sabato e la domenica, saremo felici. Sarà un momento bello, però per adesso va già bene così”.

Sicuramente Boeri ha centrato in punto l’obiettivo, soddisfacendo i bisogni dei cittadini. Infatti poter passeggiare nuovamente tra i giardini della Triennale e passare una serata al museo, farà riacquisire ai milanesi quel senso di normalità che da tempo stavano cercando di ritrovare.

Fonte: Yahoo! Notizie

Leggi anche: Che FINE ha fatto il MUSEO delle TORTURE?

ROSITA GIULIANO