In Centrale l’INSTALLAZIONE del WWF per metterci la faccia

I giovani ci mettono la faccia per migliorare il loro futuro

Credits: milano.repubblica.it Climate Wall

In occasione della Pre-Cop26 di Milano, che inizierà giovedì 30 settembre e terminerà sabato 2 ottobre, ma che ha già visto partire alcune iniziative e incontri, a Milano Centrale è comparso un muro di selfie per metterci la faccia.

In Centrale l’INSTALLAZIONE del WWF per metterci la faccia

# L’installazione per la Pre-Cop26

Credits: milano.repubblica.it
Climate Wall

Quest’anno è l’anno della Cop26 di Glasgow, Scozia, ma anche della Pre-Cop milanese. Nei prossimi giorni ci si riunirà per parlare del problema dei cambiamenti climatici e cercare di trovare una soluzione. E se nella città meneghina è già giunta la famosa ragazza che si batte per un mondo più pulito e per il diritto al futuro della sua generazione, stiamo parlando di Greta Thunberg, intanto a Milano è comparsa un’installazione che in qualche modo permette a tutti di metterci la faccia. Il WWF ha, infatti, installato in stazione Centrale, sull’iconico jumbo led in Galleria dei mosaici, il primo Climate Wall.


# Mettici la faccia

Credits: @wwfitalia
Climate Wall

Uno schermo gigante composto da moltissime fotografie, o meglio selfie. Ieri, 28 settembre, l’ingresso dei gate di Stazione Centrale ha mostrato il volto di tutti coloro che vogliono agire contro questa crisi climatica che sembra essere già arrivata al punto di non ritorno. Per apparire sul primo Climate Wall non era difficile. Bastava scaricare la app per Ios e Android “Climate wall” e inviare la propria foto. Insieme ai centinaia di selfie c’erano poi anche immagini degli effetti dei cambiamenti climatici sul Pianeta.

Non solo persone comuni hanno aderito all’iniziativa, ma durante la giornata sono apparsi anche volti noti al pubblico: i campioni sportivi, che hanno reso tanto orgogliosa l’Italia quest’anno, ci hanno messo la faccia. Stiamo parlando degli atleti della Nazionale femminile e maschile di pallavolo, il cestista Gigi Datome, Valentina Vignali e Bruno Cerella, il tennista Lorenzo Sonego e la campionessa del mondo di ginnastica artistica Vanessa Ferrari.

# Anche il WWF grida

Credits: milano.repubblica.it
Wwf Stazione Centrale

A Milano saranno i giovani a parlare, a Glasgow i negozianti dell’ONU. Ma nella Youth Cop meneghina (“Youth4Climate: Driving Ambition) è già venuto fuori quanto i giovani siano attivi su questo tema, perché è loro il futuro messo in pericolo. Insieme ai giovani, quindi, si mette a gridare anche il WWF con la sua campagna GenerAzione Clima, che parla con il linguaggio di quella generazione Z, nati dopo il 2000, poco ascoltata. Così sul Climate Wall chi ci ha messo la faccia vuole far sentire la propria voce ai governi, affinché agiscano con urgenza e cerchino di azzerare le emissioni di CO2 ben prima del 2050.



Continua la lettura con: MOTHER EARTH, a Milano l’opera che invita a RICONNETTERSI con il SUOLO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: “La ripresa sta arrivando, il Salone del Mobile un momento magico per Milano”

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.