Il municipio dei castelli: la “mini” valle della Loira a Milano

Tre costruzioni iconiche del Municipio a Nord di Milano

0

Forse non sapevi che nel Municipio 9, che comprende lo spicchio di città uscendo da Porta Garibaldi in direzione Nord lungo l’antica via Comasina, ci sono 3 edifici che ricordano antichi castelli.

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Il municipio dei castelli: la “mini” valle della Loira a Milano

#1 Cascina Boscaiola

Uscendo dal centro, il primo “castello” che si incontra è nei pressi di viale Jenner (fermata Maciachini M3). Si tratta della Cascina Boscaiola, una tenuta di caccia appartenuta prima ai Visconti e poi agli Sforza. L’edificio, costruito nel XV secolo, è stato rimaneggiato molte volte nel corso dei secoli. Sulle facciate si intravedono frammenti di affreschi e delle finestre a forma di ogiva. Attualmente è stato suddiviso in appartamenti.

tre castelli
Credits: Urbanfile

#2 Torre degli Osculati

Proseguendo verso nord lungo via Pellegrino Rossi (fermata Affori Centro M3) si incontra la Torre degli Osculati (secolo XIV), che in origine faceva parte del complesso dell’antica Pieve di Santa Giustina. Nel corso dei secoli è stata utilizzata come torre di guardia e campanile.

tre castelli
Credits: Urbanfile

#3 Castello Visconti

Infine nel quartiere di Bruzzano, in prossimità del Parchetto di Piazza Giustino Fortunato (fermata Affori FNM M3), si incontra l’ex Castello Visconti. Attualmente è stato suddiviso in appartamenti anche se si può riconoscere la fisionomia del castello originale con le due torri merlate agli angoli. Al centro, verso via Fermignano si erge un torrione in mattoni alto sei piani.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
tre castelli
Credits: Urbanfile

La distanza di Bruzzano dal centro di Milano all’epoca era sufficiente per permettere alle nobili famiglie milanesi di fuggire dalla caotica e malsana vita delle città per dedicarsi ad attività ludiche e di caccia in campagna.

Del castello originario rimane sostanzialmente la muratura portante, ma la struttura è stata rimaneggiata parecchio nel corso degli anni. Sulle facciate è comunque possibile notare alcuni stemmi in cotto.

Continua la lettura con: Il Castello di Macconago

LUCA SVALUTO

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Iscriviti: ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 

 


Articolo precedenteLe case fantasy della “strada installazione” di Milano: un’atmosfera da New Orleans nei giorni di festa (Fotogallery)
Articolo successivoL’utopia della Comasina
Luca Svaluto
Laureato in Economia e Commercio all’Università di Pisa. Per molti anni COO e CFO nel settore finanziario. Appassionato di urbanistica ed i trasporti. Dopo molti anni all’estero ho deciso di vivere a Milano dove ho anche deciso di investire professionalmente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome