SCANDINAVIA MASK FREE: lo strano caso dei Paesi nordici che ritengono le mascherine “non necessarie”

tutti i Paesi nordici hanno scelto di non dare alcuna raccomandazione all'uso delle mascherine: sono considerate una precauzione "non necessaria". Il risultato è che, secondo un sondaggio, quasi nessuno le usa. Nonostante questo la diffusione del virus è stata contenuta meglio che altrove. Pubblichiamo la traduzione dell'articolo apparso sulla rivista internazionale AFP.

Mentre in quasi tutto il mondo viene raccomandato l’utilizzo della mascherina, almeno nei luoghi chiusi, con l’Italia che ha scelto di imporre l’obbligo con multe salate in caso di infrazione, tutti i Paesi nordici hanno scelto di non dare alcuna raccomandazione all’uso delle mascherine: sono considerate una precauzione “non necessaria”. Il risultato è che, secondo un sondaggio, quasi nessuno le usa. Nonostante questo la diffusione del virus è stata contenuta meglio che altrove. Pubblichiamo la traduzione dell’articolo apparso sulla rivista internazionale AFP.

SCANDINAVIA MASK FREE: lo strano caso dei Paesi nordici che ritengono le mascherine “non necessarie”

Pubblichiamo traduzione articolo di Marc Préel e Nioucha Zakavati  da AFP per “Yahoo News” – No country for face masks: Nordics brush off mouth covers


# Stoccolma, Copenaghen, Oslo, Helsinki e Reykjavik senza mascherine

Mentre la maggior parte del mondo ha imposto l’obbligo o la raccomandazione all’uso di mascherine per il viso, persino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato a indossarla, le nazioni nordiche sono le uniche a non averlo fatto. Nei supermercati, sugli autobus e lungo le strade delle capitali – come Stoccolma, Copenaghen, Oslo, Helsinki e Reykjavik – le mascherine sono un evento raro da vedere, indossato solo da una piccola minoranza, molti dei quali sono turisti.

# Mascherine utilizzate dal 5-10% della popolazione

Secondo un recente sondaggio di YouGov, solo il 5-10% degli intervistati nei paesi nordici ha dichiarato di aver utilizzato una maschera in ambienti pubblici, una cifra che è rimasta stabile dall’inizio della crisi a marzo. Allo stesso tempo, le cifre corrispondenti sono aumentate tra il 70 e l’80% per la maggior parte degli altri 20 paesi intervistati, tra cui India e Stati Uniti. “Ho l’impressione che se il governo non dice chiaramente” ti consigliamo di indossare una maschera “, nessuno lo farà“, ha detto alla studentessa francese 21 anni Camille Fornaroli aggiungendo che è rimasta scioccata nel vedere quanto fossero rare le mascherina indossate a Stoccolma.

# Gli scandinavi seguono le raccomandazioni e i governi locali sono concordi nel ritenere non necessario l’uso della mascherina

Birgitta Wedel, una pensionata di 63 anni, ha detto all’AFP che avrebbe preferito che le autorità svedesi avessero raccomandato le maschere, almeno sui trasporti pubblici. Ha aggiunto però che sarebbe andata avanti senza indossarla a meno che non ci fosse un cambiamento nella politica ufficiale. “Se non lo fanno … non lo indosserò perché nessun altro lo fa“, ha detto Wedel.


Marten Sporrong, un uomo d’affari di 50 anni, ha anche detto che avrebbe seguito le raccomandazioni del governo: “Se ci dicono che non abbiamo bisogno di maschere, non le indosseremo“. La Svezia ha ricevuto un’attenzione mediatica per il suo approccio più morbido alla riduzione della diffusione del virus che, unito a un bilancio delle vittime relativamente più elevato, ha portato il Paese più grande della regione ad essere evitato dai suoi vicini. Ma quando si tratta di mascherine, le nazioni nordiche sembrano fermamente unite.Ad eccezione della Svezia, ci sono pochissimi casi in quei paesi“, ha detto a AFP KK Cheng, un epidemiologo presso l’Istituto di ricerca sulla salute applicata dell’Università di Birmingham. “Quindi non li biasimo per non averlo fatto, purché abbiano ragionevoli distanze sociali e la traccia dei contatti sia eseguita correttamente“, ha aggiunto Cheng. È stato chiesto al principale epidemiologo svedese Anders Tegnell cosa potrebbe fargli cambiare idea nel raccomandare l’uso di mascherine per il viso: ha risposto che stava ancora aspettando “qualche forma di prova che siano efficaci“.

# Anche il direttore dell’Autorità Sanitaria Danese pensa che non abbia senso usare le mascherine 

Per Cheng, tale logica è discutibile. “Penso che sia sbagliato, è irresponsabile ed è testardo“, ha detto l’epidemiologo. “Se lui sbaglia, può costare la vita. Se io sbaglio, che male fa?” Dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha cambiato la sua guida, i funzionari sanitari danesi hanno iniziato con cautela a raccomandare l’uso di maschere all’inizio di luglio, ad esempio quando si va in ospedale per un test o quando si ritorna da un’area a rischio. “Le mascherine non hanno senso nella situazione attuale, dove abbiamo un livello di infezione costantemente molto basso“, ha detto martedì all’emittente televisiva Soren Brostrom, direttore dell’Autorità sanitaria danese. “Ma potrebbe avere senso a lungo termine, quando ci scontriamo sul trasporto pubblico e in altre situazioni? Questo è ovviamente qualcosa che valuteremo“, ha aggiunto Brostrom.

# Anche in Norvegia e Finlandia le mascherine non sono considerate necessarie

Allo stesso modo, in Norvegia e Finlandia, sebbene in linea di principio non vi sia “nessuna opposizione“, le mascherine sono considerate una precauzione non necessaria mentre la diffusione è bassa. “Potrebbe essere qualcosa che dovrà essere presa in considerazione nel prossimo futuro se la contaminazione aumenta“, ha detto a AFP Stuwitz Berg, un medico dell’Istituto norvegese di sanità pubblica.


Mika Salminen, direttrice della sicurezza sanitaria presso l’Istituto finlandese per la salute e il benessere, ha dichiarato all’emittente YLE che il problema probabilmente riemergerà “quando le persone inizieranno a tornare dalle vacanze in misura maggiore, e ovviamente se la situazione epidemica cambi radicalmente“. Giovedì, tuttavia, un Paese nordico è si è discostato leggermente dalla linea delle altre Nazioni. L’Islanda – che come i suoi vicini non hanno finora imposto nessuna raccomandazione all’uso di mascherine – ha annunciato che avrebbe iniziato a richiedere il loro uso sui trasporti pubblici, sui voli nazionali, sui traghetti e nei saloni di parrucchieri.

MILANO CITTA’ STATO

LA SCUOLA POLITICA DI MILANO CITTA’ STATO (Clicca per informazioni)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi