🔴 I NUOVI dati ISS sui morti con CORONAVIRUS: 1% sotto i 50 anni, 97% con altre patologie (il 60% con almeno tre)

L'ultimo aggiornamento dei dati dell'Istituto superiore di Sanità relativi all’identikit dei deceduti per Covid-19. L’analisi si basa su un campione di 29.692 pazienti


Del 14 maggio, l’ultimo aggiornamento dei dati dell’Istituto superiore di Sanità relativi all’identikit dei deceduti per Covid-19. L’analisi si basa su un campione di 29.692 pazienti e conferma le caratteristiche che erano già emerse nelle scorse settimane.
Leggi anche
CHI, DOVE E PERCHÈ è morto di CORONAVIRUS: il 99% aveva più di 50 anni, il 97% aveva patologie pregresse


CHI, DOVE E PERCHÈ è morto di CORONAVIRUS: i dati aggiornati dell’Iss


Età media: 79 anni per gli uomini, 85 per le donne

# Lʼetà media dei deceduti è di 80 anni
# Solo l’1,1% del campione, cioè 332 vittime, aveva età inferiore a 50 anni. In particolare, 74 di loro avevano meno di 40 anni
# L’età media delle donne decedute è di 85 anni, contro il 79 anni degli uomini



Sesso: oltre il 60% sono uomini

# Più del 60% sono uomini, il restante 39,8% sono donne
# Su 74 persone decedute sotto i 40 anni, 25 sono donne, 49 uomini


Sintomi: per
3 su 4 prima febbre e dispnea

# 3 persone su 4 presentavano febbre e dispnea prima del ricovero (76% e 73%)
# Meno frequenti diarrea e emottisi
# Il 5,8% delle persone non presentava alcun sintomo


Patologie: 3,2 il numero medio

# Su 2.848 deceduti per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche, il 59,8% delle vittime presentava almeno tre patologie



Secondo lo studio realizzato da ISS, l’Istituto superiore di sanità, e ISTAT, aggiornato al 7 maggio: 

Malattie correlate: il 97% dei morti aveva malattie pregresse

Secondo lo studio del quadro clinico di 2621 persone decedute il risultato è il seguente:
#circa il 60% dei deceduti avevano 3 o più patologie pregresse
#il 21,3% avevano 2 patologie pregresse
#il 15% presentava 1 patologia pregressa
#il 3% non aveva patologie


Complicanze insorte: la più comune, l’insufficienza respiratoria

# L’insufficienza respiratoria ha colpito il 96,8% dei pazienti
# Il 22%, ha avuto danni renali acuti
# Il 12,2% ha avuto una sovrainfezione
# Il 10,6% ha subito un danno miocardico acuto


Cure adottate: i più usati, gli antibiotici

# In più di 5 pazienti su 6 è stata adottata la terapia antibiotica
# Per il 58% è stata adottata una terapia antivirale
# Solo il 37% quella steroidea


Tempi del decesso: 11 giorni

Dall’insorgere dei sintomi al decesso, la media dei giorni trascorsi è di 11: 6 giorni dal ricovero in ospedale al decesso, 9 giorni se trasferiti in rianimazione.

Inoltre (dati aggiornati al 7 maggio): 

Dove: uno su due è in Lombardia

In Italia, secondo l’analisi dei dati raccolti fino al 7 maggio, risulta che:
#il 52,3% sono in Lombardia
#il 13,4% in Emilia Romagna
#il 7,8% in Piemonte
#il 5,7% in Veneto
#sotto l’1% in SiciliaValle d’Aosta, Sardegna, Calabria, Umbria, Basilicata, Molise
#sotto il 4% le restanti

Fonti: www.epicentro.iss.it, tgcom24

BARBARA VOLPINI

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato