🔴 Finalmente i DATI SU MILANO: 1.124 i morti. 4 sotto i 40 anni. Manca ancora un dato fondamentale

Secondo i dati rivelati da Fontana al sindaco sono 7.788 i contagiati ufficiali (su 31.650 tamponi eseguiti) e 1.124 i morti. Di questi il 94% ha più di 60 anni. Manca ancora un dato fondamentale per programmare i prossimi mesi: la proposta dei radicali

Foto: Andrea Cherchi (c)

Secondo i dati rivelati dal governatore della Lombardia Attilio Fontana al sindaco di Milano Beppe Sala, che aveva chiesto chiarimenti sui dati dell’epidemia in città, sono 7.788 i contagiati ufficiali (su 31.650 tamponi eseguiti) e 1.124 i morti.

Di questi più del 60% oltre gli 80 anni (695 fino al 23 aprile scorso), mentre il 94% oltre i 60 anni. Quattro i deceduti tra 20 e 39 anni.


Leggi anche: 🔴 Finalmente i dati sull’ORIGINE dei contagi in lockdown: il 44% sono stati infettati nelle RSA, il 25% in famiglia


Il dato che manca: quanti sono i veri contagi? La proposta per una ricerca a campione

Insieme all’origine dei contagi, manca ancora il dato ritenuto più importante per programmare i prossimi mesi: quante sono le persone che sono state contagiate dall’inizio dell’epidemia? Secondo alcune stime potrebbero essere tra le 150mila e le 300mila. Se fosse così significherebbe che Milano sia vicina alla cosiddetta “immunità di gregge”, ossia alla percentuale di contagiati che renderebbe di fatto impossibile la circolazione del virus.

Ma come si può calcolare il numero di persone che sono state infettate dal virus? Arriva la proposta di Alberto Zuliani, ex Presidente dell’ISTAT, che durante la diretta settimanale Facebook e YouTube dell’Associazione Luca Coscioni, dice: “Proponiamo alle Regioni un test a campione completo che consideri anche asintomatici”.



Zuliani sostiene, infatti, che per conoscere il numero effettivo dei contagiati da Covid 19 sia necessario effettuare i tamponi su un campione rappresentativo della popolazione italiana: “Con poche migliaia di tamponi finalmente potremmo avere una stima affidabile della reale diffusione della malattia, invece di basarci solo sui dati della Protezione civile che – come è noto – rappresentano solo i risultati ottenuti su una parte della popolazione più a rischio (sintomatici, operatori sanitari)”.

Commenta Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni: “Collegare scienza e politica prendendo misure basate su metodo scientifico, anziché assistere a questa cacofonia di voci e previsioni improvvisate sulla riapertura, priva di ogni ragionamento ponderato. Viviamo un momento di sospensione dalla democrazia”.

E aggiunge “Si può sospendere la democrazia per un paio di settimane, ma ora che si prevedono mesi di misure restrittive è ancora più importante che le istituzioni invertano la rotta, soprattutto per mettere a disposizione le informazioni che possono servire ai ricercatori e ai media per condurre analisi e dare comunicazioni affidabili.”

BARBARA VOLPINI

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Caro lettore, il sito Milano Città Stato è gestito da Vivaio, associazione no profit. Per assicurare contenuti di qualità tutti i collaboratori lavorano senza sosta. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, se ci leggi spesso e se condividi il nostro intento di contribuire a una Milano (e un’Italia) che sia sempre migliore, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci, in particolare in questo momento così delicato. Grazie!