🔴 Covid: tasso di mortalità crollato quando i medici non hanno usato i VENTILATORI meccanici (Studio ICNARC Londra)

Lo stop all'utilizzo dei ventilatori ha abbassato la probabilità dei decessi. "Gli esseri umani sono progettati per far entrare l'ossigeno nei polmoni aspirandolo, mentre il ventilatore lo soffia dentro". Cosa dice lo studio dell'Icnarc di Londra

Credits: telegraph.co.uk - Spedizione ventilatori al servizio sanitario nazionale inglese

Già ad Aprile, nel pieno della pandemia, veniva sostenuto da numerosi medici e ospedali di tutto il mondo che l’utilizzo dei ventilatori meccanici nella terapia per curare i pazienti positivi, ricoverati terapia intensiva, fosse pericoloso e addirittura accelerare il processo degenerativo della malattia. Ora lo studio dell’Icnarc di Londra certifica come l’utilizzo di questi dispositivi abbia provocato più danni che benefici. I risultati sono stati comunicati dal governo inglese e riportati dai giornali britannici. Pubblichiamo la traduzione dell’articolo uscito su The Telegraph. 

🔴 Covid: tasso di mortalità crollato quando i medici non hanno usato i VENTILATORI meccanici (Studio ICNARC Londra)

Pubblichiamo traduzione articolo di Henry Bodkin per “The Telegraph” – Covid death rates dropped as doctors rejected ventilators


# Il calo nell’utilizzo di ventilatori ha ridotto di un terzo la probabilità di decesso nelle terapie intensive

I tassi di mortalità tra i pazienti affetti da Covid-19 gravemente malati sono diminuiti drasticamente poiché i medici hanno rifiutato l’uso di ventilatori meccanici, secondo l’analisi. Le probabilità di morire in un’unità di terapia intensiva sono passate dal 43% prima che la pandemia raggiungesse il picco al 34% nel periodo successivo.

Un rapporto del 3 settembre 2020 dell’ “Intensive Care National Audit & Research Centre” ha affermato che in quel periodo non sono stati introdotti nuovi farmaci né modifiche alle linee guida cliniche che potrebbero giustificare il miglioramento. Tuttavia, l’uso di ventilatori meccanici è diminuito drasticamente. Prima del picco dei ricoveri il 1 aprile, il 75,9% dei pazienti con Covid-19 è stato intubato entro 24 ore dal raggiungimento di una terapia intensiva, una percentuale che è scesa al 44,1% dopo il picco.

Nel frattempo, la percentuale di pazienti in terapia intensiva che hanno indossato un ventilatore è scesa di 22 punti percentuali al 61% su entrambi i lati curva epidemica. I ricercatori hanno suggerito che questo potrebbe essere stato il risultato di un “apprendimento informale” tra le reti di medici secondo cui i pazienti con ventilatori stavano andando peggio del previsto.


# Charlotte Summers, docente di medicina di terapia intensiva presso l’Università di Cambridge: “Gli esseri umani sono progettati per far entrare l’ossigeno nei polmoni aspirandolo, mentre il ventilatore lo soffia dentro” 

La dottoressa Charlotte Summers, docente di medicina di terapia intensiva presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Gli esseri umani sono progettati per far entrare l’ossigeno nei polmoni aspirandolo, con una pressione negativa, mentre il ventilatore soffia l’ossigeno nei polmoni mediante pressione positiva.” “Quindi ogni persona che utilizza un ventilatore, è sottoposta a un modo di respirare non ottimale rispetto a ciò per cui è stata “progettata” e, come ogni terapia che viene data a chiunque per qualsiasi malattia, ci sono indubbiamente degli svantaggi.

Ha aggiunto: “Tuttavia, è importante ricordare che non tutte le terapie sono adatte a tutti i pazienti, e per alcuni pazienti un ventilatore meccanico è l’unico mezzo per salvargli la vita“.

Fonte articolo: The Telegraph


MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi