La CASA POPOLARE diventata un’ATTRAZIONE turistica. Si può fare anche a Milano?

Uno dei palazzi più instagrammati in Europa è un palazzo per la popolazione meno ricca di Vienna. Perchè non coinvolgere le nostre archistar nell'edilizia popolare di Milano?

#2 dettaglio facciata ph. hundertwasser-haus.info

Uno dei palazzi più instagrammati in Europa, è l’opera di un architetto e artista austriaco. La sua destinazione? Abitazioni per la popolazione meno ricca di Vienna. Perchè non provare anche a Milano a coinvolgere le nostre archistar nell’edilizia popolare?

La CASA POPOLARE diventata un’ATTRAZIONE turistica. Si può fare anche a Milano?

# Hundertwasserhaus, uno dei palazzi più instagrammati in Europa, è un complesso di case popolari

Credits: getyourguide.com

Si chiama Hundertwasserhaus, un complesso di edilizia popolare costruito a Vienna a partire dal 1986. Il progetto ha da subito linee guida innovative, perché l’artista Friedensreich Hundertwasser ha scelto la dolcezza delle forme morbide, evitando di accentuare gli spigoli, per regalare ai suoi abitanti qualche smussatura in una vita già abbastanza brusca. Questo complesso, infatti, nasce con l’intento di soddisfare l’esigenza dell’edilizia popolare, abbattendo al contempo lo stereotipo dei canoni estetici legati a questo utilizzo.


# I colori e la gioia al posto dell’anonimo dormitorio

#2 dettaglio facciata ph. hundertwasser-haus.info

Hundertwasser, pseudonimo di Friedrich Stowasser, ha scelto l’allegria come ispirazione. La facciata esterna è decorata con colori vivaci, accentuati dall’utilizzo di ceramiche variopinte. Balconi e terrazzi sono utilizzati per portare il verde nel complesso, fin dentro le abitazioni, trasformando il palazzo in un’oasi di verde nel cuore della città. Molti dei materiali utilizzati, comprese le ceramiche decorative, sono il riutilizzo di ciò che altrove è stato “scartato”.

Un particolare degno di nota, è che l’artista ha voluto dare un tocco stiloso anche alle toilette: colori sgargianti, fontane e decorazioni di ceramica, rendono piacevole anche questo ambiente, diventato da semplice locale di servizio a Toilet of Modern Art. La struttura è amministrata direttamente dal Comune di Vienna, che gestisce tutti i 50 alloggi popolari.

# Ogni inquilino ha il diritto di personalizzare il proprio pezzo di facciata

Il canone di affitto si aggira intorno ai 5,00 €/mq, se ne fa richiesta al comune che – previa verifica dei requisiti – affida gli alloggi alle famiglie. Uno dei requisiti preferenziali, è che almeno un componente della famiglia abbia interessi o sia un membro attivo della comunità artistica locale: nelle regole del condominio, infatti, vi è perfino il diritto di personalizzare la facciata, intorno alle proprie finestre, secondo il gusto personale di chi la abita



# Trasferire la mentalità a tutto il quartiere

Credits wikipedia – Interno

Le Hundertwasserhaus, hanno il considerevole pregio di caratterizzare sia il modo di abitare l’appartamento, sia di dettare lo stile del quartiere. La struttura residenziale ha visto nascere al suo interno una serie di negozietti e caffè, molto tipici. Al Kunst un Cafè al piano terra del complesso, ad esempio, è possibile gustare un caffè assistendo ad un film, il cui protagonista è proprio Friedensreich Hundertwasser che mostra la “sua” abitazione.

A pochi passi dal complesso dei 50 alloggi colorati si trova l’unico centro commerciale progettato da Stowasser, una superficie di circa 1.600 mq, coloratissimo e pieno di linee morbide come nello stile del progettista, che diventa la piazza di paese più adatta ad un quartiere come il terzo distretto, nato policromatico.

A tutt’oggi, la particolare struttura del complesso popolare, i colori, i giardini pensili che si affacciano sulla strada dai suoi balconi, sono una meta turistica tipica di Vienna, che attira l’attenzione, lo sguardo e le foto dei visitatori, diventando una star di Instagram.
È segnalata sulle guide ufficiali di Vienna e le è stato dedicato un sito internet.

 

# Perché dovrebbe ispirare anche Milano

Credits viaggiatorineltempo.com – via lincoln

Un esempio straordinario di realizzazione, che sovverte i canoni dell’edilizia popolare fin qui accettata. A Milano abbiamo già esempi di edilizia nata “povera” e che con il tempo sono diventati angoli di colore, design e – perché no – speculazione.
Abbiamo anche i quartieri dormitorio, nati in un’altra epoca e adattati ad altre esigenze.
Mancherebbe giusto un salto di paradigma, per un’evoluzione degna della capitale del design: la nascita dei borghi di edilizia popolare, al posto dei quartieri dormitorio, super colorati e destinati ai cittadini che desiderano vivere tutto il quartiere in maniera sostenibile e allegra.

Le archistar non mancano a Milano: perchè non coinvolgerle anche nell’edilizia popolare? Lasciando anche libertà agli inquilini più creativi di personalizzare la loro porzione. 

Continua a leggere con: A Milano l'”ARTE NON NEI MUSEI”: il tour di teatri e cinema dove ammirare opere d’arte

LAURA LIONTI

Leggi anche: Npl, banche e pandemia: in arrivo la tempesta perfetta? Pop Sondrio è la sorvegliata speciale

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte   

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.