Il GRATTANUVOLE, il progetto che avrebbe trasformato MILANO

Il grattacielo in stile liberty barocco che Milano avrebbe potuto avere ma che non è riuscito a diventare realtà


Con un accentuato decorativismo di matrice baroccheggiante e l’elevata qualità delle sue opere sotto il profilo tecnico-strutturale a fare da contralto, il “Grattanuvole” avrebbe rivoluzionato lo skyline milanese, diventato uno degli edifici più belli ed importanti.

Il GRATTANUVOLE, il progetto che avrebbe trasformato MILANO

# Sarebbe stato visibile anche dal DUOMO

Un ambizioso progetto di Achille Manfredini del 1909 che non vide mai la luce del sole. Il palazzo venne chiamato “Grattanuvole” per sottolineare la sua incredibile altezza. Interamente ideato in stile Liberty barocco, il grattacielo avrebbe contato 13 piani e un’alta torre centrale di oltre 50 metri, alla quale vi erano stati progettati dei corpi più bassi in corrispondenza delle fronti secondarie su strade di minore larghezza. Immaginato verso la fine della via Mazzini, il palazzo sarebbe stato perfettamente visibile dal Duomo.


# Le polemiche perché era TROPPO alto

credits: blog.urbanfile.org

Il Grattanuvole era certamente un edificio con un’altezza importante per l’epoca, forse fin troppo. Giovanna D’Amia, nel suo libro I primi ‘grattanuvole’ milanesi: un esordio contrastato”, racconta: “Presentato in conformità al Regolamento edilizio che determinava l’altezza degli edifici in base alla larghezza delle strade, innesca la polemica avviando una revisione delle norme sull’altezza massima dei fabbricati, che nel 1920 è fissata a 24 metri in tutto il territorio comunale, con l’eccezione degli edifici di particolare “importanza artistica”.

“La bocciatura del progetto da parte della commissione igienico-edilizia comunale provocò accesi dibattiti sui giornali cittadini. Tra i sostenitori del Manfredini erano L. Beltrami e L. Broggi: dalle pagine del Corriere della sera (In difesa dei grattanuvole, 6 nov. 1910), quest’ultimo profetizzava la realizzazione di numerose opere simili a Milano: “bisogna prepararsi, per questi edifici speciali, a speciali criteri di estetica” (Treccani).

# Il Kursaal Diana porta con sé un pezzo del Grattanuvole

credits: blog.urbanfile.org

Sono tante le opere milanesi di Manfredini, ma tra quelle più rilevanti troviamo il complesso della Kursaal Diana completato nel 1908. Situato a Porta Venezia, tra viale Monforte, oggi via Piave, e via Mascagni, è il palazzo che più si avvicina a livello di estetica di come avrebbe potuto essere il “Grattanuvole” se solo fosse stato realizzato. In particolare, è la sommità del Kursaal Diana a riportare alla mente il “Grattanuvole”, perché realizzata in maniera molto simile al progetto.



Fonte: blog.urbanfile.org

Continua a leggere con: Due GRATTACIELI MILANESI tra i 50 più LUSSUOSI del mondo 

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.