Il Politecnico progetta VENTO, la ciclabile più lunga d’Italia

VENTO ciclabile venezia torino milano citta stato
VENTO ciclabile venezia torino milano citta stato

Si chiama VENTO, come quello che soffia quando vai forte in bicicletta, ma anche come la crasi tra i nomi delle città Venezia e Torino.

VENTO è la più lunga pista ciclabile d’Italia, meglio, aspira a diventare la N.1 persino in Europa, e si chiama così perché lo studio del Politecnico di Milano l’ha pensata con i due capi di partenza e arrivo fissati nel capoluogo piemontese e in quello veneto.

679 Km complessivi (di cui 264 dentro aree naturali protette), attraverso 4 Regioni e altrettante amministrazioni a tutela del verde pubblico e della mobilità ecologica: ecco quanto sarà estesa questa infrastruttura sostenibile. 

VENTO si snoda per città d’arte di primo piano del Nord Italia – e spesso ben poco conosciute e valorizzate: oltre a Venezia e Torino, anche Ferrara, Mantova e tanti piccoli centri già parte del ricco patrimonio paesaggistico, faunistico, rurale,enogastronomico, dell’artigianato, del Bel Paese tutto.

Milano, nel mezzo, coordina questo ambizioso studio di cui ecco lo studio di fattibilità [continua dopo il salto]

A tutela, sostegno, valorizzazione di VENTO al momento ci sono 288 associazioni, molti enti, varie istituzioni, oltre 4.700 cittadini e, appunto il Politecnico di Milano, “che l’ha progettata.  […]”, spiega il portale festivaldelverdeedelpaesaggio.it, riproducendone anche la mappa.

Quanto costa? Sempre dall’illustre magazine si parla di “una spesa molto bassa (80 milioni di euro), pari a circa 118 euro al metro”.

E ancora: “Se si completasse il progetto del PoliMi “si realizzerebbe la più lunga pista ciclabile italiana e una delle più lunghe ciclabili d’Europa. Un impegno che, se suddiviso tra Stato, 4 regioni e 12 province diverrebbe davvero leggero, leggero come una brezza“. Portando, peraltro sul suolo italiano […]  un indotto di 100 milioni di €/anno, VENTO creerà fino a 2.000 nuovi posti di lavoro”.

Per ulteriori informazioni: www.progetto.vento.polimi.it

Foto cover: di repertorio