I musei a cielo aperto più belli della STREET ART made in Veneto

Un viaggio alla scoperta degli angoli più nascosti della Street Art made in Veneto


Un viaggio alla scoperta degli angoli più nascosti della Street Art made in Veneto.

I musei a cielo aperto più belli della STREET ART made in Veneto

Il Veneto è una regione ricca di arte e la Street art ne fa parte di diritto. Da qualche anno, alcune zone della regione, partendo da borghi di montagna, passando per paesi di provincia e arrivando alle città più conosciute, sono diventate dei veri e propri musei a cielo aperto. Coloratissime, queste opere d’arte sono andate a sostituire, in taluni casi, abbandono e grigiore che da anni dominavano la scena. In altri casi, i “disegni” sono stati ideati e realizzati in piena armonia con le vie del paese, già di loro inevitabilmente poetiche. Tutto questo è avvenuto, e sta avvenendo, grazie al patrocinio delle amministrazioni locali, che hanno capito l’importanza del rivalutare gli angoli abbandonati dei propri territori.


# Cibiana di Cadore

Cominciamo il viaggio da un paese che si trova nel cuore delle Dolomiti. In mezzo alle montagne, a quasi mille metri di altezza, sorge il piccolo borgo di Cibiana di Cadore. Cibiana non vive di turismo sfrenato come succede nella vicina Cortina d’Ampezzo. A Cibiana si respira ancora l’aria di un posto vero, grazie ai suoi 450 abitanti che non hanno mai abbandonato la passione per la vita di montagna.

Credits: @VenetoWorld(FB) – Cibiana di Cadore

Cibiana è famosa per i suoi murales. Fin dall’ormai lontano 1980, diversi artisti di fama internazionale, sono giunti proprio a Cibiana per realizzare, ad oggi, più di 50 affreschi, dando vita a un vero e proprio museo all’aperto. Grazie agli artisti, provenienti da Italia, Giappone, Ex Unione Sovietica, Cibiana è diventata il “Paese dei Murales” o “Paese che racconta la sua storia“. Ogni opera rappresenta infatti la storia della casa su cui è stata realizzata. Sulla parete della casa del fabbro è raffigurato proprio questo mestiere, così come per il mugnaio e per il falegname.

Credits: @VenetoWorld(FB) – Cibiana di Cadore

#Tarzo e la Via dei Murales

Ci spostiamo nel trevigiano, e più precisamente nel comune di Tarzo. In questa zona per lo più rurale, lungo le rive dei Laghi di Revine, si trova la Via dei Murales. Si tratta di un progetto nato nel 2008 su iniziativa della Pro Loco di Tarzo. Il suo scopo è quello di valorizzare il territorio.



Credits: @prolocotarzo.com(FB) – La via dei Murales di Tarzo

Lungo la strada, che tocca le frazioni di Fratta e Colmaggiore, sono stati realizzati 15 murales da diversi artisti veneti. I murales richiamano i temi della cultura popolare locale e dell’emigrazione e si affiancano ad altri affreschi molto più antichi, alcuni addirittura risalenti al 1500.

# IDoLove – L’Urban Festival di Dolo

Dolo è una cittadina che sorge nel cuore della Riviera del Brenta, la zona che segue il percorso del Naviglio del Brenta, tra Venezia e Padova, dove sono concentrate molte delle più belle e sfarzose ville venete antiche.
Dolo, perla dipinta dal Canaletto, è riuscita, grazie alla sua posizione e all’impegno dell’Amministrazione comunale, ad attirare artisti di fama internazionale. Spray, vernice e pennelli: questi sono infatti gli ingredienti principali di IDoLove, il festival di Urban Art di Dolo. Dal 2016, IDoLove ha iniziato a ridare vita e colore alle zone più grigie della cittadina. Uomini buffi, palazzi astratti, Pinocchio, pinguini giganti…
Credits: @IDoLoveUrbanFestival(FB)

Artisti come il milanese Pao, il padovano Tony Gallo e molti altri, hanno realizzato alcune opere spettacolari, piene sì di colori, ma anche di molto significato.

Credits: @IDoLoveUrbanFestival(FB)

# Padova e Super Walls

Le città di Padova e di Abano Terme hanno ospitato, nel mese di Giugno 2021, la seconda edizione di Super Walls, il Festival Biennale della Street Art. Anche in questo caso, obiettivo principale dell’iniziativa è quello della riqualificazione del territorio urbano e suburbano grazie alla Street Art. La manifestazione ha visto gli Artisti selezionati dipingere, ognuno con il proprio stile, le pareti di alcuni edifici messi a disposizione da soggetti pubblici e privati.

La seconda edizione di Super Walls ha toccato Abano TermePadova e altri sei comuni della provincia di Padova (AlbignasegoLimenaMestrinoTombelle di Saonara,  Sarmeola di Rubano e Veggiano). I numeri principali i Super Walls 2021: 40 street artist, di cui 12 donne, provenienti da 5 paesi europei. Il tema della rinascita su 35 superfici messe a disposizione da realtà private e istituzionali, aziende, strutture ricreative, supermercati, istituti religiosi, fino all’Università degli Studi di Padova e agli ospedali cittadini. Durante questa edizione, è stata realizzata dal collettivo francese La Crémerie l’opera di street art più grande d’Italia: l’impianto idrico comunale di via Bottazzo a Padova, gestito da AcegasApsAmga.

Credits: @claudia.pistore(FB) – Super Walls a Padova

# Venezia e Bansky

Il viaggio di oggi si chiude a Venezia. Nel 2019, Bansky ha scelto Venezia, capitale indiscussa dell’arte. Una mattina di maggio, a due passi (o come si dice a Venezia, a un ponte) da Campo Santa Margherita, è apparso un murales dell’artista Banksy. L’opera raffigura un bambino con un giubbotto salvagente e un razzo segnaletico in mano: una dedica all’attualissimo tema dell’immigrazione. Comparso come per magia con stupore generale, il murales è diventato subito famoso in tutto il mondo.

Credits: @_cp965_(IG) – Bansky a Venezia

Continua la lettura con: La DISCOTECA di culto diventa la “cappella sistina” della STREET ART

LUCIO BARDELLE

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità


Articolo precedenteIl regno della quantità
Articolo successivoCome si dice TOP in milanese?
Nasco a Dolo (VE) nel 1979. Padre padovano, mamma vicentina, cresco nella terraferma veneziana. Studio Economia a Venezia, poi viaggio, per lavoro e per piacere. Vivo 7 anni in Lombardia, poi torno a Venezia. Sono appassionato di musica rock, suono la chitarra e il basso. Spesso corro. Scrivo per una associazione locale a sostegno del cittadino (Oltre il muro), creata da Pietro, uno dei miei migliori amici, infortunatosi 15 anni fa durante una partita di calcio.